Il calcio è lo specchio di un Paese?

Gioia svizzera, pianto Italia. Quando l’ambiente socio-politico influenza anche l’organizzazione dello sport

Di

Arrigo Sacchi non ha dubbi: “il calcio è lo specchio d’un Paese vecchio, in difficoltà economica, culturale e morale”.  E come mai allora ai Mondiali ci saranno Panama, Iran e un Brasile tornato in grande spolvero in mezzo al caos e ai crimini quotidiani? Se il tiro di Darmian a Solna fosse stato di 3 millimetri più interno, l’Italia si sarebbe qualificata e al posto del pianto greco sarebbe stata festa grande.

Ai Mondiali ci sarà la Svizzera. Senza l’intervento sulla  linea di Rodriguez contro l’Irlanda e conseguenti supplementari, più no che si. Che la palla sia “rotonda” è un modo di dire che mette d’accordo i santi bevitori da bettola e il buddismo zen: a domanda: “perché la palla rotola?” l’Illuminato Rinpoche risponde: “perché è ineffabile”. Terre-a-terre, tuttavia, qualche dato reale esiste: per esempio, nel “ranking” mondiale, la Svizzera degli ultimi anni è sovente davanti all’Italia. Sino agli anni ’60-’70 se un ragazzo di Zurigo o di Ginevra diceva che giocava a calcio gli veniva chiesto: “e di mestiere cosa fai?”. La Svizzera come organizzazione sportiva ha lavorato molto bene sulle seguenti basi: 1) Grande investimento nella formazione giovanile, sull’esempio di quella professionale, di recente studiata dalla Francia di Hollande e dagli USA di Obama. 2) Unità di intenti di tipo “socialista”. Dai 12 ai 21 anni tutte le selezioni giocano secondo gli stessi schemi e principi. 3) Riduzione delle squadre professioniste, necessità di avere infrastrutture all’altezza. 4) Nessuna preclusione verso i figli degli immigrati, anche se non cantano l’inno, esattamente come i 4 cattolici che militavano nell’ Irlanda del Nord legata all’Inghilterra non hanno cantato “God save the Queen”, quella Regina che per loro significa oppressione.

Risultati: finali e titoli mondiali under 17 e under 21, 4 qualificazioni ai Mondiali per la Nazionale. Molti svizzeri militanti in squadre d’ élite europee. A questo punto in ottica italiana si pone la domanda fondamentale: se Ventura passa dal 4-2-4 del Brasile targato Didì-Vavà del 1958 con Zagalo, è vero, ala tornante, al 3-5-2, e per la partita decisiva mette la squadra in mano all’italo-brasiliano Jorginho,mai visto prima, se rispolvera Gabbiadini, rispecchia il confuso  Paese reale, o, molto semplicemente, dimostra come allenatore di non averci capito nulla? Obiezione: il Paese c’entra, Ventura è stato scelto dall’alto. Vero: da un signore (Tavecchio) con l'”allure” del vecchio fascista: “basta con gli Optì Pobà che prima mangiavano le banane”. Un altro di grande peso è tale Lotito che come il giovane Agnelli(Juventus) non riesce a controllare i suoi ultras fascisti (Lazio) e quando gli svuotano la curva sud li sposta di peso con una “lex Lotitum” nella curva nord! Una barzelletta? No, tutto vero, vero anche che l’operazione non è ritenuta degna di sanzioni.

Infine: non è vero, contrariamente a quanto si vuol far credere in Italia, che un Paese si giudica dal taglio degli abiti, dai calzini alla caviglia o al polpaccio, dal cibo o dalla capacità di prendere a calci  una palla. Ed è stato estremamente imprudente e autolesionista parlare di “terremoto” e “apocalisse” in caso di non qualifica. A partire dalla “bibbia” laica, la “Gazzetta dello Sport” ora impegnata in analisi concettuali. I “mass-media” avrebbero   dovuto studiare l’illuminato “Rinpoche”. La palla è ineffabile. Ed essere più umili. Diamine: se gli svedesi hanno un portiere che non riesce a calcolare le traiettorie dei cross e difensori mobili come pali della luce, perchè l’Italia non ha segnato? Ed è stupida e soprattutto falsa la classica critica da “bar sport”: “guadagnano troppo, non hanno dato l’anima”. La verità è molto più brutta: l’anima l’hanno data, mancava la qualità e persino l’intelligenza: buttando al centro a quel modo la palla, i pali della luce svedese l’avrebbero sempre respinta. Bisognava tenerla bassa, giocare, osare qualche dribbling. Come gioco, molto meglio la Svizzera. Se il Paese è da rifare tocca agli italiani decidere come e quando. Il calcio è molto più semplice. Insegnare ai giovani ad essere liberi e creativi invece che istruirli sul  fallo tattico e su come su usano le zampe per “cinturare” l’avversario in aria. Il calcio “all’italiana” è sconfitto dalla Storia. Fa testo quello praticato dal Barcellona, rivisto e reinterpretato secondo le proprie capacità. Un compromesso, insomma, come la Svizzera di Petkovic, che ai prossimi Mondiali potrebbe avere la coppia d’attacco rivelazione: i due elvetici d’origine camerunense Embolo e Oberlin. Possiamo essere più generosi in materia di immigrati e rifugiati: perlomeno, però, il processo di integrazione elvetico, dà sovente buoni risultati. Avete detto “jus soli”?.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!