Eritrea morta, condannata la hater su FB

Condannata una delle autrici dei commenti razzisti. Ha avuto successo la denuncia collettiva di un gruppo di cittadini indignati

Di

La donna che qualche mese fa aveva commentato sui social in modo indegno la morte della giovane eritrea caduta dal balcone a Bellinzona e denunciata con una “class action” da una quarantina di cittadini, è stata condannata. Non sono importanti le aliquote o di quanti franchi. Vista la pena, la signora è probabilmente anche poco abbiente (le aliquote finanziarie vengono comminate in base al reddito).

È però giusto che si sappia che chi si permette di scrivere atrocità sui social, che non solo offendono ma feriscono anche le persone, viene perseguitoe condannato. Vale per Msy Maffioli e per le sue frasi idiote su Tamagni, come per la signora in questione e la sua gioia per la morte brutale della 24enne eritrea.

I cittadini onesti vogliono un minimo di correttezza anche sui social. Ci sta l’opinione diversa, ci stanno anche termini forti e al limite aggressivi, ma augurare la morte a qualcuno o umiliare le vittime è un gesto infame che va sanzionato.

Ricordiamo che il fatto aveva sollevato molta indignazione, al punto che un gruppo di cittadini si erano coalizzati per denunciare la hater e una sua collega, che però è stata assolta dal procuratore Garzoni perché non ravvisati i limiti del reato. La legge infatti è molto sottile, basti sapere che la frase nigeriani di m***a è perseguibile in seguito alla violazione della legge sul razzismo, ma negri di m***a no, perché la categoria risulta troppo vasta e non specifica.

Lo stesso gruppo di cittadini si è detto intenzionato a denunciare, se riuscisse  a trovare il recapito, anche Msy Maffioli, l’internauta che aveva irriso all’omicidio Tamagni. A dimostrazione che non ci sono colori politici in ballo quando si travalicano i limiti del buon senso e della crudeltà verbale.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!