Kompagno Bertoli vs Lega 1 a 0

Grazie all’opera del DECS, apprendisti frontalieri maggioreni stabilizzati a 48, in calo di quasi 2/3 dal 2013

Di

Il DECS ha fatto recentemente uscire i dati in merito agli apprendistati. Insomma, ci dice quanti ragazzi, in che modo e con che successo riescono a intrufolarsi nel mondo del lavoro.
Scopriamo con piacere che non solo riusciamo alla fine a piazzarli praticamente tutti, ma anche che esiste una specie di task force creata dal DECS, il Gruppo Operativo di Collocamento a Tirocinio (GOCT) per dare una mano a quelli che fanno fatica.

“I giovani che hanno terminato a giugno la scuola dell’obbligo hanno tutti trovato un collocamento – scrive il dipartimento –  anche se per alcuni si è trattato di ripiegare su formazioni diverse da quelle desiderate, soluzioni transitorie, perfezionamenti linguistici o altro ancora.”

Bello bello, siamo felici. Qualcuno che fa funzionare le cose. Interessante è però scoprire che il vituperato kompagno bol$cevico Bertoli è riuscito a ridurre di un bel po’ gli apprendisti frontalieri, non tanto i giovani, quanto i finti apprendisti adulti, quelli per cui le aziende pagavano una miseria utilizzandoli a tutti gli effetti come operai. Se infatti nel 2013 erano 166 i contratti di questo tipo, negli ultimi due anni si sono stabilizzati a 48. Praticamente quasi due terzi in meno. Ma sentiamo il dipartimento di Bertoli:

“Questo consolidamento dipende verosimilmente da un adeguamento delle aziende alle regole poste per l’assunzione. Le aziende tendono a rinunciare fin dall’inizio all’assunzione di frontalieri nelle professioni dove è più probabile che i contratti siano respinti in quanto i posti vengono messi a disposizione di candidati locali idonei alla professione.”

Regole applicabili, mica come quelle di prima i nostri. Certo che a pensare ai leghisti e al Conte zio Attilio, a cu i frontalieri uscivano dalle orecchie, o ai primanostristi come Siccardi o Pinoja che avevano le aziende piene di lavoratori esteri, viene da chiedersi chi sta veramente facendo gli interessi del nostro Paese.

Uella kompagno Bertoli! Avanti così, che ul belvedee l’è poc disctant!

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!