Le teste rasate alzano la cresta

Pubblicità

Due irruzioni in pochi giorni a Milano e Como durante incontri pubblici sul tema dei migranti

Di

Chiamateli come volete, i pelati, come nel film “The Wanderers”, skinheads o naziskin. Sappiamo di chi stiamo parlando. Nati in Gran Bretagna negli anni ’60, figli delle periferie proletarie e lavoratrici, si radicalizzano verso l’estrema destra solo negli anni ’80.

Oggi, queste frange di disadattati violenti, perché di questo stiamo parlando, forti dei rigurgiti fascisti che la società fatica a contenere, si fanno più arroganti. Anzi, sembra quasi che ci sia, vista la rete di “Confederate Hammerskin” diffusa a livello internazionale, un disegno volto a farsi notare. Come? Non in modo violento, ma di sicuro autoritario e spavaldo.

È di ieri l’irruzione di una quindicina di teste rasate a una riunione dell’associazione Como Senza Frontiere, che si adopera in aiuto dei migranti. Gli skinheads sono entrati dove si teneva la riunione e hanno imposto ai presenti la lettura di un documento anti-immigrati. Un gioco al limite della legalità, ma i pelati si sono fatti furbi. Abbandonati manganelli e violenza si sono resi conto (come Casapound a Ostia per esempio), che la presenza sul territorio e l’astio anti-immigrati non necessitano necessariamente di azioni aggressive, è sufficiente dare l’idea al cittadino che si stia lavorando per la sua protezione e la sua sicurezza.

Stessa cosa era successa pochi giorni fa a Mendole, nel Milanese, durante un incontro che parlava di immigrati e Ius Soli e presentava un libro, edito da Rizzoli, di Chaimaa Fahti, una giovane studentessa marocchina che parla di convivenza pacifica e fratellanza. Anche qui lo stesso gruppo di “Veneto Fronte skinhead” ha fatto la sua comparsa.

Il sindaco di Mendole, Giovan Battista Ruzzenenti, moderatore della serata, dichiarava in un’ intervista:

“Sono venuti già nelle altre occasioni precedenti, qui loro hanno capito ormai che noi trattiamo questi argomenti e loro vengono a fare la loro passeggiata, arrivano che abbiamo l’assemblea già iniziata e si fermano un po’…” “…è almeno la terza volta che vengono, perché trattiamo questi argomenti difficili e delicati che determinano argomentazioni, quindi, come dicevo siamo qui a celebrare la fratellanza, perciò ho detto: va benissimo che voi siate qua, siete anche voi miei fratelli, come tutti quelli che passano da Medole, confrontiamoci sugli argomenti.”

Una mano tesa all’arroganza serve a stemperare, a rendere inutili queste piazzate. Mettiamo dei fiori nei vostri cannoni è oggi uno slogan che ha disperatamente bisogno di nuova linfa. L’idea di pace e fratellanza di fronte all’egoismo e all’odio.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!