Gli australiani possono pisciare sulle ruote

Di

Lorenzo Quadri è stato castrato a Berna nella sua ennesima interpellanza. In Parlamento secondo noi sono un tantinello esasperati dalla marea di baggianate che il Quadri serve come canapé ogni due o tre giorni per far vedere alla sua tifoseria che esiste. L’ultima, appunto, proponeva d imporre un solo passaporto a parlamentari, consiglieri o diplomatici. Bocciato sonoramente un’altra volta. A suffragio della sua ipotesi, il Quadri, faceva notare che in Australia è già così.

Il Cancelliere della Confederazione, non un picio qualsiasi, rispondeva raggiungendo uno dei maggiori picchi di ironia che abbiano mai visto a Berna:

In Australia in certi bar sono anche obbligati a dare da bere ai cavalli.

Abbiamo perciò pensato di aiurtare Quadri, non sia mai che ‘sti consigli gli vengano buoni in futuro, sulle leggi australiane. Oh, sono tutte vere, roba da far diventare invidiosi gli americani:

1) Puoi urinare sulla ruota posteriore della tua vettura se non ci sono urinatoi nei paraggi (non a Sydney)

2) Non ci si può avvicinare a meno di cento metri dalla carcassa di una balena

3) E’ illegale essere sorpresi ubriachi in un pub. Si viene multati

4) Se tocchi i fili muori e vieni pure multato

5) E’ possibile utilizzare l’aspirapolvere a Melbourne solo dalle 9 del mattino alle 10 di sera

6) E’ vietato indossare abiti da Batman o Robin. Si tratta di manifestazione impropria di autorità

7) I bambini non possono comperare sigarette ma possono fumarle

8) I bar di alcuni Stati devono avere un posto per posteggiare un cavallo e nutrirlo (eccola qui!)

9) I taxi devono trasportare una balla di fieno nel bagagliaio

10) A Perth è illegale possedere più di 50 kg di patate

11) Presentarsi ad un matrimonio o a un funerale non invitati è illegale ad Adelaide, South Australia.

Ricordiamo poi a Lorenzetto che la legge australiana sul passaporto unico risale alla Seconda Guerra Mondiale, quasi 80 anni fa, quando c’era la paura di infiltrazioni nemiche nel Commonwealth.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!