Sconti in treno, ma Zali tace

Pubblicità

Ratificati gli accordi per l’abbassamento delle tariffe ferroviarie da e verso l’Italia, mai pubblicizzati dal Dipartimento del Territorio.

Di

La notizia di per sé stessa è buona. La Lombardia ha ratificato degli accordi col Canton Ticino per una riduzione dei biglietti transfrontalieri fino al 30%. Leggiamo da TIO:

“Il 10 dicembre arriverà il biglietto transfrontaliero. Una novità che spicca per un motivo: un drastico calo dei prezzi. Oggi andare da Lugano a Milano con un Tilo costa 17 franchi, da settimana prossima, secondo nostre informazioni, costerà solo 14,40. Si tratta di una riduzione che supera il 15%. Chi ha l’abbonamento Metà prezzo godrà di uno sconto anche maggiore: il biglietto passerà da 12 a 8 franchi. Idem per i ragazzi, che pagheranno soli 6,20 franchi (oggi ne sborsano 9). Riduzioni analoghe vi saranno su tutte le tratte regionali da e per l’Italia.”

La novità, ovviamente, serve a stimolare il trasporto sulla Stabio-Arcisate recentemente portata a termine, nell’ottica di diminuire anche il traffico frontaliero.

Unica nota stonata: senza l’articolo di TIO, il Dipartimento del Territorio non avrebbe pubblicizzato la questione. Nessun comunicato, nessuna conferenza stampa, e sì che non è un vantaggio di poco conto.

Non bisogna però scordare che due quinti del Gran Consiglio sono leghisti e un “regalo” ai frontalieri, anche se vantaggioso per i ticinesi, non sarebbe visto probabilmente di buon occhio. E così anche delle conquiste nell’ambito dei trasporti vengono purtroppo passate all’acqua bassa, sacrificate sull’altare della politichetta da mercato rionale.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!