Branda ruba lo stipendio? Vediamo

Pubblicità

Di

Mi sono imbattuto, per l’ennesima volta, in un sostenitore dell’iniziativa volta a “stoppare” l’aumento di stipendio che i municipali di Bellinzona si sarebbero auto-regalati poco tempo fa.

Secondo questo internauta, non sarebbe “socialista” raddoppiarsi la remunerazione.

L’iniziativa, promossa da Lega, MPS e UDC, sarà votata a breve.

Sia chiaro, io difendo il diritto di ognuno ad avere uno stipendio. Qualsiasi persona che presta le sue competenze alla collettività ha il diritto a una remunerazione decorosa e corretta. Questo vale anche per i municipali non solo di Bellinzona, ma anche di Lugano o di qualsiasi cittadina ticinese, chiaramente in proporzione al carico di lavoro e presumendo che il lavoro venga svolto a dovere.

A prescindere dal fatto che con l’aggregazione gli aumenti sono quasi un automatismo, mal si capisce perché a un raddoppio del carico di lavoro non dovrebbe corrispondere un adeguamento dello stipendio (ricordiamo che Bellinzona è passata da poco meno di 20’000 abitanti a più di 40’000 con più di 1000 dipendenti comunali). E sindacalmente come la mettiamo? Come si concilia il fatto che a un carico di lavoro aumentato si pretenda lo stesso stipendio?

Che poi, a essere onesti, non si può proprio tacciare Bellinzona di città approfittatrice, visto che le condizioni quadro dei suoi dipendenti sono tra le migliori in Ticino: 4000 franchi di salario minimo e 20 giorni di congedo paternità, un unicum a pari condizioni sul nostro territorio.

Torniamo agli stipendi. Bellinzona ha anche un altro primato probabilmente, mi si smentisca se sbaglio, la differenza tra lo stipendio del più alto dirigente e quello del dipendente meno qualificato e al minimo della sua classe: il rapporto è di 1:2,5. Cioè, il sindaco guadagna due volte e mezzo quello che prende il dipendente dalla città meno pagato. Ricordo che abbiamo votato poco tempo fa sulla 1:12 (bocciandola) proposta dalla Gioventù Socialista, e cioè il rapporto ritenuto perlomeno equo tra il massimo dirigente di un’azienda e il meno qualificato lavoratore nella stessa.

Gli stipendi, dicevamo. Prima di gridare allo scandalo e al furto di soldi pubblici, facendo facile propaganda, dovremmo affrontare una tabella che riguarda gli stipendi nel settore pubblico. Le cifre sono state arrotondate per comodità e sono al massimo della scala per lo stipendio di riferimento.

Sindaco di Bellinzona: 120’000 fr l’anno*

Infermiere/a cantonale: 137.000 l’anno

Medico specialista: fr 170’000 l’anno

Docente di liceo: 129’000 fr. l’anno

Sergente capo di polizia: 112’000 fr. l’anno

Comandante della polizia cantonale: 212’000 fr l’anno

Giurista del Consiglio di Stato: 137’000 fr l’anno

Capo ufficio di dipartimento: 154’000 fr l’anno

Siamo onesti e mettiamo anche una qualifica bassa:

collaboratrice/ore amministrativo: 70’000 fr. all’anno

Stipendi troppo alti? Assolutamente no. Ognuna di queste persone, se svolge coscienziosamente il proprio lavoro vale ogni franco che prende e contribuisce a fare funzionare la macchina che è lo Stato. Mettere in dubbio gli stipendi va a intaccare lo Stato con le sue conquiste e i diritti dei suoi dipendenti che sono, a conti fatti, i nostri dipendenti.

Chi sostiene che un municipale di Lugano o Bellinzona rubi lo stipendio, dovrebbe prima di tutto domandarsi che tipo di servizio vuole per la sua città e quanto valuta l’impegno di persone che, oltre al carico di lavoro normale, sono occupate almeno 60 o 70 sere all’anno in riunioni di Municipio, Consiglio comunale e commissioni. Chiunque abbia militato in un consesso comunale sa di cosa parlo. Possiamo fare i demagoghi oppure cercare di essere onesti con noi stessi e domandarci in fondo, quanto vale l’impegno di ognuno di noi quando fa il proprio lavoro.

 

*In questa cifra non è compresa la cassa pensione che va scalata totalmente dall’importo, a differenza degli altri stipendi statali. Parliamo di circa 12.000 franchi in meno.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!