Due mesi senza Mattinonline

Pubblicità

Il Mattinonline ha finalmente trovato un tizio anonimo per tenere in piedi la baracca e magari scrivere articoli al posto di Lorenzo Quadri?

Di

Questo era il tempo in cui la testat gior… (non riesco  ) non produceva più un fico. D’altronde il suo unico redattore, Mattia Sacchi, era migrato presso i lidi di Ticinonews. Un dolore lacerante, un buco nell’anima che manco quello dell’ozono. Ma oggi leggo da un amico che un nuovo articolo è apparso! Vado subito a vedere, sono eccitato come un bimbo in un negozio di caramelle.

“No Billag, la casta va in tilt, l’élite teme di vedere ridimensionato  uno dei propri centri di potere.”

Fotomontaggio allegato: Pedrazzini e Canetta seduti su delle macerie tutti brozzi, ovviamente le macerie dela RSI.

Mah…sono quasi un po’ deluso. Si poteva fare di più. È evidente che Boris Bignasca, direttore del comatoso giornale online ha trovato, dopo mesi di ricerche, un povero disgraziato disposto a rovinarsi la reputazione scrivendo per il Mattinonline. Ma mica tutti sono Mattia Sacchi. Sacchi era multitasking come un coltellino svizzero.

Questo pezzo lo firma Lorenzo Quadri, è un mappazzone che manco io ho voglia di leggere e soprattutto non è farcito di $ e di K. Come mai? Cos’è successo in realtà? A parte che ci metto la mano sul fuoco che chi ci lavora ora è un frontaliere, oppure uno talmente disperato da avere perso completamente la dignità.

Perché penserete mica che Quadri, che già scrive per il Mattino e si disfa per il popolo a 230’000 franchi l’anno, scriva davvero lui? Perché anche gli altri due sono firmati Quadri. Siamo seri, mica tutti sono come me che ho il culo al caldo e non sono eletti da nessuna parte.

E poi dai il marchio di fabbrica?…neanche un “uella!” Niente P$, Kompagni o roba del genere.

Bon dai, ci vuole un po’ a rodare. Facciamo i nostri migliori auguri al tizio anonimo che tiene in piedi la baracca e gli diamo un consiglio per un futuro sereno: usa uno pseudonimo.

E se in seguito a questo articolo aumentano le visite…beh, un grazie sarebbe carino.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!