Golosi? Mai più cioccolato

Il riscaldamento climatico rischia di compromettere le coltivazioni di cacao in Africa, con gravissime ripercussioni economiche per i Paesi esportatori, oltre che per i produttori consumatori di cioccolato nel nostro Paese

Di

Il riscaldamento climatico non crea solo cicloni, uragani, inondazioni. Non si limita ad essere un letale epilogo per il povero orso polare, ma rischia di far fuori una pianta che molti di noi amano alla follia.

Il cacao rischia infatti di cedere al riscaldamento climatico, gettando milioni di persone nel panico. Quello che non riesce a fare l’estinzione di massa di specie endemiche o le catastrofi climatiche, forse riuscirà al cacao.

Abbiamo visto donne tutte d’un pezzo cedere di fronte al richiamo delle sirene di truffes e cioccolatini, abbiamo visto bambini ingozzarsi di praline come se non ci fosse un domani, forse solo gli uomini, almeno in parte, sono immuni all’urlo di dolore del cacao, anche perché spesso affondati in masse di grassi saturi salati, in truogoli di luganighe e salami che sopperiscono al richiamo del cioccolato.

Scherzi a parte, la questione è seria. La moneta di scambio di Maya e Aztechi, l’oro marrone che cola fluido e perfido nelle nostre gole, rischia l’estinzione. Il tasso di umidità in Costa d’Avorio e Ghana, maggiori produttori di fave di cacao, è a rischio. Il riscaldamento e la desertificazione, minacciano le piante tanto amate, soprattutto dalla confetteria svizzera, rischiando di lasciare a bocca asciutta legioni di golosi.

Fa ridere? Fino a un certo punto ragazzi. Quello che sembra sempre un problemino minuto, rischia di avere pesanti ripercussioni non solo sulla nostra alimentazione. Il cioccolato è come l’orso polare, o il pinguino della Patagonia, una specie delicata minacciata dal nostro egoismo e dalla nostra incuria. Che poi l’ingegneria genetica cerchi di risolvere il problema modificando le piante non dovrebbe rassicurarci più di quel tanto. E anche spostare le piantagioni è una vittoria di Pirro, che si lascia dietro strascichi non indifferenti. La prossima volta che mettiamo in bocca un cioccolatino…beh, non diamolo per scontato.  

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!