La criminalità imperversa a Bellinzona

Pubblicità

93 multe per accattonaggio, 200 casi di littering, 1 persona fermata per dissimulazione del volto in un anno. Bellinzona è davvero in mano al crimine!

Di

Speriamo che il 2018 vada meglio. Dico davvero. Ho ancora fissati nella retina i dati legati alla criminalità del 2017, soprattutto nel Bellinzonese. Quella che credevo una sonnacchiosa cittadina manieromunita, si è rivelata una Messalina urbana, una Babilonia del crimine, un truogolo di nefandezze che mi fanno tremare le vene dei polsi.

Queste cose le so perché ho letto un articolo de la Regione, bello esaustivo, coi grafichetti e tutto. Scopro così che la piaga su tutte è quella dell’accattonaggio. Il capo della polizia Beltraminelli (non è parente) è affranto: anche se mette 200 franchi di multa ad ogni accattone e se lo porta in centrale per l’identificazione, quello se ne frega. Reitera. Rimendicheggia in barba all’autorità.

Per noi svizzeri è una cosa impensabile. C’è la sanzione, come mai non ubbidisci? Beh, perché sei un accattone e te ne freghi, in fondo, al massimo ti sequestrano i franchetti raccolti (che è anche una cosa un po’ ignobile, diciamolo). In barba alla precisa autorità elvetica l’accattone si ostina a non avere un conto in banca o uno stipendio da pignorare, figuriamoci una fissa dimora. Ergo, la sanzione è inutile. 93 i mendicanti blindati dalla PolCom di Bellinzona in un anno. D’altronde Lugano ne ha, nello stesso periodo, seviziati 162. Fanno 0,44 accattoni al giorno. Bastardi.

Ma c’è un primato della capitale che suscita sgomento anche solo a parlarne, al punto da far sembrare le bande di accattoni dei corpi di ballo di adolescenti. Il littering. Si, signori, non abbiamo paura di dirlo.

22 i casi di littering in un anno a Bellinzona! Quasi due al mese! Non sappiamo proprio più dove voltarci, la Terra dei Fuochi campana risulta un Giardino dell’Eden in confronto alle orde di sporcaccioni nostrani (22!) che insozzano la Turrita gettando rifiuti.

Alla fine, e dobbiamo riconoscerlo a quel fanatico di Ghiringhelli, la minaccia islamica. 1 persona fermata in un anno per dissimulazione del volto. Ma ci rendiamo conto? Anche Gobbi ne sarà fiero, perché la PolCom di Bellinzona mica dorme, e appena l’intabarrata islamica ha messo fuori il naso, zac! Catturata e speriamo pure multata, anche se di solito la prima volta avvisano solo. Saremmo però ingiusti se non dessimo anche i dati di Lugano, dove in realtà le orde saracene sono mooolto più attive. 18 burquiste impenitenti, probabilmente turiste saudite, blindate dalle forze dell’ordine.

Perciò, caro 2018, cerca di essere migliore, che non ne possiamo più del desolante panorama criminale della turrita. Dacci requie, calma gli animi dei fuorilegge e rendi la nostra elvetica vita degna di essere vissuta al di fuori della paura.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!