Un bel libro con avvertenza

Pubblicità

Di

Tutti ricordiamo «Pinocchio», un capolavoro che la scuola non è riuscita a rovinare (come invece «I promessi sposi», «La Divina Commedia», ecc…). Una storia scritta bene, molto bene, con risvolti di senso precisi. Tant’è che è stato letto (e/o «fatto leggere») anche con scopi terapeutici. Pinocchio, ovvero il manifesto contro l’essere bugiardi, o il dire bugie. Una sorta di educazione alla sincerità. Decenni dopo, un altro libro diventato classico è stato usato in risposta ad un nuovo problema per bambini e/o ragazzi: «La storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare», pensata adeguata per tutti i figli adottati.

Un libro, o forse sarebbe meglio dire: una storia , può anche essere usato per questi giustificati motivi. Per dirla con Cesare Pavese: «Leggere è una difesa alle offese della vita».

Ovviamente la vita, e i libri, cambiano. Quel che funzionava ieri non necessariamente va bene oggi. Ed i problemi di oggi sono diversi, qui basta citare a caso: la morte di un animale domestico, l’autismo, l’insuccesso nello sport, il disamore per la lettura, il trasloco, imparare ad usare il vasino … . A questo hanno pensato Ella Bertoud e Susan Elderkin, due biblioterapeute che hanno dato in stampa l’interessantissimo quanto utile: «Crescere con libri: rimedi letterari per mantenere i bambini sani, saggi e felici». Una sorta di prontuario in grado di aiutare genitori e docenti nella scelta del titolo giusto al momento giusto. Un’ottima idea perché, come dice il curatore della versione italiana Fabio Stassi nell’introduzione: «il modo migliore per superare un momento difficile è andare in quel paese dove accadono cose strane e meravigliose, ed esiste una storia che parla proprio di noi, affrontando problemi ed emozioni profonde … ogni favola è un atto utopico, una capriola, un rovesciamento, una disobbedienza … . Crescere con i libri significa alimentare il pensiero divergente, immaginare, sempre con una possibilità diversa.». Il libro stampato dalla Sellerio non si limita a questo: accanto ai consigli di lettura per i piccoli, ogni tanto ecco qualche titolo per gli adulti, sempre con lo scopo di aiutare a capire il particolare momento di crisi. Quindi accanto a Roal Dahl e Bianca Pitzorno ecco Umberto Eco, Fleur Jaggy ed Edgar Lee Masters. Come per dire: c’è sempre una pagina giusta … . E questa piccola grande enciclopedia, per forza di cose un’opera destinata a restare aperta, ne è una riprova.

«Crescere con i libri» è davvero un libro utile ed interessante. A modo di chi scrive vi è però da apporre un’avvertenza: che non venga usato per alimentare il brutto pregiudizio per cui la lettura è tutto e la non lettura è niente. Vogliamo dire quell’arroganza culturale che si insinua ad ogni inchiesta sullo stato della lettura nel mondo. I lettori, tutti bravi e intelligenti, che diminuiscono ed i non lettori, brutti sporchi e cattivi, stanno vincendo. Non è così, cominciamo ad ammetterlo. Ci sono persone intelligenti e in gamba che non leggono un libro da una vita ed altre che, da grandi lettori, hanno capito poco o nulla della vita e si dimostrano regolarmente della grandi teste di. Tutti conosciamo individui di una categoria e dell’altra, forse è il momento di iniziare ad ammetterlo. Magari partendo da «Crescere con i libri», un libro fantastico per chi ama (anzi: adora) leggere. Ma solo per loro.

«Crescere con i libri: rimedi letterari per mantenere i bambini sani, saggi e felici», di ELLA BERTOUD e SUSAN ELDERKIN, 2016, ed. Sellerio, 2017, pag 478, 18 euro.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!