Il bambino che guarda e non mangia

Pubblicità

L’assurda vicenda di un bambino maghrebino escluso dalla mensa scolastica: i genitori non possono pagare, e i tempi per accertarne il diritto all’esenzione sono infiniti

Di

Ugo, chiamiamolo così, ha 4 anni. Va all’asilo, è un diritto sancito dalla legge, il diritto all’istruzione. Ugo a mezzogiorno va a mensa, ma lo stesso Stato che sancisce il suo diritto a un’istruzione non la pensa così per l’alimentazione, che per assurdo resta uno dei principali diritti umani insieme all’acqua.

Ugo sta nel suo tavolino, a guardare gli altri bambini mangiare. Succede a Frosinone. Da novembre dell’anno scorso, il piccolo Ugo guarda coi suoi occhioni i compagni mangiare e di sicuro si domanda perché lui non può.

Semplice, i suoi genitori non possono pagare. O perlomeno, avrebbero diritto all’esenzione in base al reddito. Ugo non è figlio di Ermotti o di Berlusconi, e la burocrazia, lenta e assurda, attende di certificare che la sua famiglia ha le pezze al sedere.

Nel frattempo qualche anima pia dà comunque un piatto a Ugo? Macché. Non paghi non mangi.

A me fa una paura terrificante un atteggiamento del genere. Un modo di fare che sembra farci sprofondare nell’Ottocento della miseria dove i poveri morivano per le strade. Oggi, un Paese civile nega un piatto a un bambino di 4 anni, per una squallida lungaggine burocratica. E in attesa degli arretrati non pagati, circa 1000 euro, toglie il pane di bocca a un bambino dell’asilo.

Ugo arriva alla sera a casa piangendo, perché nel suo cervellino da quattrenne mica può capirle, le beghe degli adulti. Ugo crescerà, andrà alle elementari e poi troverà, forse, un lavoro, ma quella macchia nera, quel rifiuto, lo sapete tutti, rimarrà un chiodo piantato nella sua psiche.

Ah, Ugo è magrebino, un cazzo di africano. Non volevo dirlo ma lo dico lo stesso. Perché c’è un tarlo che mi rode e che mi dice: “e se fosse stato italiano?.

Spero di sbagliarmi, voglio sbagliarmi.

Voglio credere che a Frosinone qualcuno si sia accorto dell’assurdità di questo provvedimento e abbia rimesso Ugo a tavola coi suoi compagnucci e gli abbia detto: “e chissenfrega Ugo, mangia quanto vuoi, però mi raccomando, anche le verdure eh?.  E che quel qualcuno, nel farlo, gli abbia tolto quel chiodo dall’anima.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!