Pubblicità della Madonna

Pubblicità

Secondo una sentenza della Corte di Strasburgo, è lecito utilizzare immagini sacre a scopo pubblicitario. L’importante è non offendere gratuitamente e non incitare all’odio

Di

Gesù, Giuseppe e Maria. Se a partire da oggi li vedrete spuntare come funghi nella réclame di ogni genere e formato, non stupitevi affatto. Una sentenza di Strasburgo ha stabilito che, in pratica, è lecito usare la Sacra Famiglia per vendere ogni tipo di cosa. Dalle automobili alla carta igienica. Poco importa che siano filtri d’amore o altri improbabili ritrovati miracolistici. Ciò che conta sarà farlo essendo capaci di non risultare gratuitamente offensivi e sacrileghi, ma soprattutto non incitando all’odio. Cosa che a un buon “consiglio per gli acquisti” dovrebbe riuscire in scioltezza. Una pasta d’acciughe celestiale. Un collutorio della Madonna. Una colla attaccatutto divina.

Ad aver ricorso alla Corte dei Diritti Umani è stata un’azienda d’abbigliamento lituana che si è vista multare per una campagna promozionale. Colpevole di “aver offeso la morale pubblica” avendo fatto del mercimonio con le figure di Gesù e Maria adoperati come testimonial, sulla cartellonistica e in internet, per vendere qualche t-shirt in più. E invece, ora, chi aveva semplicemente dato lustro all’anima del commercio, conquistando nuove lande e approdi nel sacro nome di sua maestà la Pubblicità, si vedrà risarcire con 580 euro esatti. Perché per i giudici, in questo caso, nessuno ha “offeso la morale pubblica” ma è stato piuttosto leso il diritto alla libertà d’espressione dell’azienda lituana.

Ma che cosa c’era di tanto oltraggioso da aver fatto rizzare i capelli alle autorità di Vilnius? Nelle pubblicità (che risale, fra l’altro, a ben sei anni orsono) si vedono un uomo e una donna con l’aureola, lui tutto tatuato e in jeans, lei con un vestitino bianco e una collanina, accompagnati dalle frasi “Gesù, che pantaloni!”, “Cara Maria, che vestito!” e “Gesù e Maria, cosa indossate!”. Insomma, robetta da niente, se confrontata alla campagna dei jeans Jesus che negli anni Settanta, in Italia, sollevò un vespaio di polemiche con slogan del tipo: “Non avrai altro jeans all’infuori di me” a commento di un’immagine raffigurante un personaggio androgino e a petto nudo con i jeans sbottonati al limite del pelo pubico o l’ancor più celebre “chi mi ama mi segua”, a commentare le chiappe ben in vista di una modella, in un celebre scatto di Oliviero Toscani.

Se un tempo ricordiamo esser stato Gesù ad aver scacciato i mercanti dal tempio, oggi è il tempio che paradossalmente diventa lo scenario perfetto per tutti i mercanti in cerca di visibilità. Del resto, non essendoci un vero copyright, rimane difficile poter tutelare l’armamentario iconografico legato soprattutto al Cattolicesimo. E ben prima che arrivassero le agenzie ad appropriarsi di santini, icone e immagini sacre, per secoli l’arte ci ha reclamizzato i Vangeli attraverso monumentali strumenti d’indottrinamento di massa chiamate chiese, basiliche e duomi. Luoghi nei quali a tappezzare ogni parete, angolo o centimetro quadrato c’è un’immagine una statua o un simbolo che si rifà direttamente alla Bibbia. Parte della nostra identità e della nostra storia, intendiamoci. Proprio come oggi sembra esserlo diventata certa pubblicità.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!