Ressa incredibile alla RSI di Comano

Pubblicità

Affluenza oltre ogni previsione alla Giornata Porte Aperte della RSI a Comano. Qualche piccolo disguido ma una grande festa e una dimostrazione di affetto popolare per la nostra radiotelevisione

Di

È una giornata di sole quella che ha accolto coloro che hanno partecipato alla Giornata delle Porte Aperte della RSI, dove già alle 14,30 (l’apertura era prevista per le 15.00) la ressa all’entrata era massiccia.

Le automobili creavano una coda che partiva dalla rotonda di Comano e arrivava al centro RSI. Alle 15.00, le persone riunite nel piazzale di Comano erano già diverse centinaia ed hanno continuato ad affluire tutto il pomeriggio a migliaia.

Per parafrasare Quadri, probabilmente tutti parenti e dipendenti della RSI.

Il successo insperato ha lasciato basiti gli organizzatori e le guide, che si aspettavano poche centinaia di persone a fronte delle migliaia che affollavano gli studi.

E oggettivamente, in certi momenti, nell’atrio d’entrata o nei crocevia dei corridoi, sembrava di essere al mercato di Algeri o all’entrata della Valascia durante i derby.

Max, la nostra guida (volontaria come tutti gli altri) ci spiega che nessuno si aspettava lo tsunami che li ha colpiti.

Max ci dice che a saperlo, le Giornate delle Porte Aperte avrebbero dovuto essere estese a tutta la settimana per soddisfare tutti.

Infatti la marea umana impedisce oggettivamente di vedere o capire qualcosa e alla fine perdiamo addirittura la nostra guida in mezzo alla ressa.

Disguidi a parte, rimane una sensazione bella e positiva, di affetto ed energia, e ci fa rendere conto che la RSI è davvero parte della nostra vita e della nostra storia, quando nei corridoi affollati incrociamo Valeria Bruni, Reto Ceschi, Pablo Creti o Yor Milano. Fuori si voterà secondo coscienza, ma sono sicuro che chi era lì e ha toccato con mano il lavoro di tutti i giorni della RSI, non potrà che respingere una delle iniziative più distruttive degli ultimi decenni. Lottare per la RSI non è farlo solo per dei posti di lavoro, lo è per noi, per il nostro passato e per il nostro futuro di Svizzeri Italiani.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!