Testa o Croce

Le possibili alternative di voto, e le relative conseguenze, su No Billag.

Di

Nel lancio della moneta, sappiamo tutti, i risultati possibile sono due, testa o croce. Ma sono veramente i soli due risultati possibili o sono di più? Se uno dicesse che sono cinque le varianti del risultato? E come per la moneta anche per il voto ci sono 5 possibilità, con la differenza importante  che a “testa o croce” serve fortuna, nelle votazioni invece serve preparazione e una visione allargata delle cose.Vediamole assieme:

1- Prendi il tuo franchetto, stai per lanciarlo e decidi di fregartene allegramente e ti compri un ChupaChups. Tanto a nessuno frega nulla di quello che dici tu, lasci agli altri la responsabilità delle scelte e tu felice ti succhi la tua caramella. Avrai poi tempo dopo per piangere quando le cose andranno male e tu sarai li con un bianco, inutile, bastoncino di plastica.Forse è un bene che queste persone non votino, se già fanno fatica a mettere un si o un no su un foglietto, figuriamoci se leggono e si informano sui temi. Questi NON voti ovviamente non vengono conteggiati da nessuna parte se non nella percentuali di non votanti.

2- Prendi il tuo franchetto, lo pitturi, lo graffi o lo macchi d’olio..insomma lo rendi riconoscibile. Indipendentemente dal risultato che otterrai la tua scelta verrà archiviata in “voti non validi” o “schede nulle”. Avrai solo perso tempo tu a riempire una scheda e lo avrai fatto perdere agli scrutatori. Ovviamente il tuo voto non verrà conteggiato.

Poi ci sono le altre tre possibilità, quelle che contano: due scontate: TESTA, CROCE e una un po’ meno conosciuta, la moneta che resta in piedi, in verticale: la scheda bianca.

3- Con la scheda bianca stai dicendo “non sono d’accordo con le alternative proposte o non ho gli argomenti per decidere, svolgo comunque il mio compito di cittadino ma non voto nè si nè no”. La tua scelta viene conteggiata nelle “schede bianche” e farà statistica per votanti.

I SI e i NO sono dichiarazioni chiare e precise, importanti. Prima di votare, e sai che dal voto non si può tornare indietro, devi pensarci bene. Nel caso specifico della votazione del 4 marzo:

4- Con un SI risparmi 365.- del canone, togli i finanziamenti al servizio pubblico SSR e radioTv private verranno certamente toccate, se non chiudono di certo verranno violentemente ridimensionate con la svendita di infrastrutture moderne e costosissime indispensabili per una produzione di qualità. Una volta svenduti i gioielli di famiglia, gli archivi e il sapere, sarà praticamente impossibile ritornare alla qualità e ai servizi a cui siamo ben abituati. Nessuno sa quanto ti costerà essere informato o guardare film sia in termini di soldi per le PayTV o abbonamenti fantasiosi, sia in termini di qualità con le probabili interruzioni pubblicitarie e sponsorizzazioni varie.

5- Con un NO, decidi di continuare a pagare i 365.- dando la possibilità a SSR, ma anche alle radio e tv private, di continuare a fare il loro lavoro e di effettuare eventuali correzioni. Con un NO dai la possibilità a tutti di ricevere informazioni, perché se è vero che per te i 365.- per il canone sono soldi, è anche vero che per molti altri le PayTv non sono nemmeno ipotizzabili e molte persone, già in difficoltà economiche, saranno escluse anche dal diritto di avere un’informazione con i vari telegiornali locali e internazionali, con i documentari, con i dibattiti e con un intrattenimento semplice quanto nostrano.

Non attendere il 4 di marzo a votare, a breve riceverai la tua busta, segui le semplici procedure e inviala per posta. Pensa bene a cosa votare, con un SI avrai per un po’ il tuo franchetto per comprarti il ChupaChups giornaliero ma potresti trovarti, senza via di ritorno, con il tuo ormai inutile bastoncino bianco a far compagnia a chi ha deciso di non votare.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!