Syndicom alla riscossa

Pubblicità

L’assemblea di Syndicom all’unanimità lancia un appello a tutte le forze, istituzionali, sociali e politiche, affinché la Posta ritorni, come quando era ritenuta un’eccellenza a livello europeo, in mani pubbliche, recuperando quei settori ceduti ai privati

Di

È con piglio deciso e battagliero che Syndicom, sindacato della comunicazione a cui è affiliato anche GAS, lancia una seria opposizione su molti fronti. Fronti di un settore che sembra sempre più minacciato da diversi lati e per diversi motivi, dalla RSI, all’ATS, alla Posta.

E per quest’ultima, Syndicom fa suoi i pensieri di molti: perché non rimettere la Posta in mani pubbliche? Afferma a tal proposito in un comunicato il presidente cantonale José Feijoo Farina:

“…Sulle chiusure, la Posta non vuol sentire ragioni, non ascolta i sindacati ma nemmeno i Comuni, i cittadini e perfino le indicazioni che giungono dalle Camere federali. L’assemblea punta il dito contro il processo di liberalizzazione e di privatizzazione, che persegue l’unico obiettivo del profitto, a scapito delle condizioni di lavoro e della qualità del servizio. Quanto sta accadendo agli uffici postali e ad AutoPostale, con la recente manipolazione dei dati e le malversazioni contabili, sono solo gli ultimi esempi.”

L’assemblea di Syndicom ha perciò deciso all’unanimità, di lanciare un appello a tutte le forze, istituzionali, sociali e politiche, affinché la Posta ritorni, come quando era ritenuta un’eccellenza a livello europeo, in mani pubbliche, recuperando quei settori ceduti ai privati. Secondo Syndicom, la ricerca del profitto ad ogni costo distrugge un servizio e rende le condizioni di lavoro precarie. Non è utopistico, secondo il sindacato, un passo indietro, per riportare un servizio pubblico postale, alla sua vocazione iniziale, e cioè un servizio a e per la popolazione, e non una multinazionale dedita al guadagno. Si chiede perciò:

“…la richiesta di una moratoria immediata riguardante tutte le decisioni che comportano una diminuzione delle prestazioni dei servizi postali e il peggioramento delle condizioni di lavoro e la riapertura di tutti gli uffici postali chiusi durante gli ultimi due anni contro la volontà dei Municipi o dei cittadini.”

Ma anche Swisscom viene monitorata stretta. Gli utili eccezionali dell’azienda di telecomunicazione, come al solito, si traducono in risparmi ulteriori, tagli e licenziamenti. L’ennesimo sacrificio sull’altare del profitto per pochi a scapito di molti. “Questa politica del personale non è in linea con i valori sociali di un’azienda che appartiene in maggioranza ai cittadini”, hanno dichiarato i rappresentanti sindacali. L’assemblea di Syndicom si è chiusa discutendo di una realtà che ormai constatano in molti:

“…Nonostante il chiaro esito della votazione NO Billag, l’attacco all’informazione non è terminato, con le misure di risparmio annunciate presso la RSI e lo smantellamento dell’Agenzia Telegrafica Svizzera (ATS), che fornisce notizie ufficiali e controllate, un ruolo sempre più importante soprattutto in un momento in cui vengono diffuse con estrema facilità fake news e agenzie apposite vengono pagate per manipolare in modo scientifico le informazioni e influenzare in questo modo la politica.”

Syndicom perciò chiede un contratto collettivo dei media, per garantire un giornalismo di qualità in difesa della democrazia nel nostro Paese.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!