Ultimo articolo su No Billag

Pubblicità

Chiudiamo la nostra serie di articoli su No Billag con un quesito destinato a rimanere senza risposta: chi ha finanziato l’enorme (dati alla mano) campagna per il SI, e con quale tornaconto?

Di

Lorenzo Quadri parlava di isterismo dei contrari a No Billag. A san po pü, scriveva sul suo giornale, una grancassa mediatica che ogni domenica ci propinava dai 15 ai 20 articoli che sistematicamente denigravano, aggredivano o sminuivano i fautori del NO.

 

Questo sarà, perlomeno per GAS, l’ultimo articolo su No Billag. Seguiremo comunque domenica la votazione dalla sala stampa della RSI e vi informeremo puntualmente sui risultati. Ultimo nostro contributo è  la tabella che alleghiamo, che al saldo delle farneticazioni di Quadri e dei suoi compari, riporta gli sforzi dei pro e dei contro nei vari Cantoni.

nobillag

Possiamo vedere subito l’enorme differenza di risorse finanziarie gettate nella mischia. Sei i fautori del No a No Billag si sono concentrati soprattutto sul volontariato, l’attivismo sui social e la disponibilità di amici e simpatizzanti, come per gli striscioni affissi in tutto il Ticino (pagati dai simpatizzanti stessi), dall’altra parte assistiamo a spese ingenti per annunci e pubblicità, con un’evidente sproporzione. Una sproporzione che dovrebbe perlomeno dare da pensare.

Mal si capisce, infatti, da dove saltino fuori i soldi da parte dei fautori per le decine e decine di inserzioni e banner pubblicitari che hanno gremito portali e giornali in queste ultime settimane. Sommate i soldi devoluti al Mattino da UPC Cablecom e fate due più due. Sarebbe bello se fossero Quadri e Bühler ora a dirci da dove cavolo sono spuntati tutti i copechi per una campagna battente di questa misura e di conseguenza chi se ne avvantaggia, perché, checchè se ne dica, nessuno finanzia una campagna del genere se non ha un tornaconto.

Vi abbiamo già spiegato i giochi della cricca più volte (leggi qui e qui e qui). Per la trasparenza aspettiamo che i porci mettano le ali.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!