Lapo, non c’è scampo, rassegniamoci

Pubblicità

Ieri ero esasperato. Oggi sono depresso, ma sul serio.

Di

Ieri ero esasperato. Dopo aver letto l’ennesima notizia cretina (leggi qui) su Lapo Elkann e su una bionda misteriosa del Luganese, tale Gala Kalchbrenner (che poi che roba triste chiamartsi come un formaggino). Avevo osannato la teoria del chissenefrega, raccogliendo cospicuo sostegno tra i lettori di GAS. Oggi sono depresso, ma sul serio. Manco ho fatto in tempo a girare la testa, pensando: che notizia imbecille, difficile fare di peggio, quando… ZAC!

Corriere della sera: Lapo Elkann distrugge la Ferrari da fermo. 30’000 euro di danni.

Cioè, spiego. Lapo era con la bionda in macchina quando ha aperto la portiera senza guardare nello specchietto e un’altra auto lo ha preso dentro. Ecco la notizia. O il seguito della succulenta, presunta storia d’amore con la misteriosa luganese che misteriosa non è.

Chissenefrega vale ancora? Non vorrei abusarne. A parte che Lapo Elkann le Ferrari le cambia come le mutande, questa è blu e poco tempo fa ne aveva una mimetica (si, avete capito, una Ferrari colorata a macchie come i pantaloni di un adolescente), l’apoteosi del kitsch.

E comunque non potevo esimermi, per dovere stringente di cronaca, dallo spiattellarvi l’epilogo della interessantissima relazione, un epilogo tragico, che trova la sua catarsi nella distruzione dello sportello della Ferrari di Lapo Elkann. Chissà che spavento la bionda.

Ecco, in questi momenti vorrei annullarmi, diventare un tutt’uno con l’universo e rinnegare questa umanità gossippara e demenziale, questa catasta continua di non notizie. Guendalina Tavassi che si rifà le labbra, il cagnolino di Alba Parietti che deve farsi asportare la cistifellea, La Ferragni e Fedez che hanno comprato la pappina bio per il piccolo Leone.

Sì, diventare polvere di stelle vorrei e sparpagliarmi per l’universo, veleggiare per il sistema solare. Il seguito di questa storia mi terrorizza, già vedo i titoli: Lapo Elkann e la Kalchbrenner prendono un aperitivo, clamoroso! Le arachidi erano vecchie.

Avvisatemi se sentite qualcosa, io nel frattempo dovrei essere intorno a Saturno

 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!