E finalmente cade la LIA

Pubblicità

Con un comunicato stampa di poco fa, la commissione di vigilanza LIA dà seguito alla risoluzione del Consiglio di Stato, vedendosi obbligata di fatto, a cessare l’attività.

Di

Con un comunicato stampa di poco fa, la commissione di vigilanza LIA dà seguito alla risoluzione del Consiglio di Stato, vedendosi obbligata di fatto, a cessare l’attività.

Si procederà, nei modi e nei tempi necessari, a ridimensionare la struttura operativa che si occupava delle pratiche.

Un punto finale definitivo, sembrerebbe, a una delle leggi più invise e inutili create negli ultimi anni, magari partita con buone premesse e buona volontà, ma poi sostenuta ostinatamente e ciecamente nonostante fosse palese che violava le leggi e che fosse detestata dalla maggior parte dei piccoli artigiani che non ne vedevano i benefici. Oggi la LIA crolla definitivamente sotto i colpi del Tribunale Federale che ne impedisce, anche in seguito ala risoluzione di Consiglio di Stato e Gran Consiglio, il proseguimento.

Uno smacco soprattutto per il ministro Zali che ne ha sempre sostenuto a spada tratta l’utilità.

 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!