Kayne West, gli schiavi se la sono voluta

Pubblicità

Il rapper marito dell’ erede dell’impero Kardashian, se n’è uscito con una dichiarazione che rischia di fruttargli il linciaggio se mette il naso fuori dal suo villone: “Quando senti che la schiavitù e’ durata 400 anni…. 400 anni? Mi sembra una scelta.”

Di

A dimostrazione che per sposare Kim Kardashian e per essere amico di Donald Trump devi avere il cervello di un tacchino imbalsamato, c’è l’ultima dichiarazione di Kayne West. Il rapper marito della sederuta erede dell’impero Kardashian, se n’è uscito con una dichiarazione che rischia di fruttargli il linciaggio se mette il naso fuori dal suo villone:

“Quando senti che la schiavitù e’ durata 400 anni…. 400 anni? Mi sembra una scelta.”

West evidentemente non si capacita, da quel figo che è, di come negri imbecilli abbiano potuto restare schiavi per 400 anni. Il processo mentale, il combattimento tra i suoi due neuroni deve essere stato epocale, la sua conclusione è ovvia: se la sono voluta loro. Dichiarazioni che ci farebbero rabbrividire dette da un suprematista bianco, fanno solo pena sentite dalla bocca di un afroamericano. Unica consolazione, la conferma che l’idiozia è equamente distribuita tra le varie etnie.

La dichiarazione del rapper, che è seguito su twitter da 28 milioni di persone, ha sollevato le proteste dei quelli che invece, come il regista Spike Lee, hanno sempre lottato per i diritti dei neri. Spike, intervistato in merito ha solo detto: “io prego per il mio fratello”.

La NAACP, l’associazione USA per i diritti della gente di colore ha dichiarato:

“I neri hanno combattuto contro la schiavitù da quando per la prima volta sono approdati su questo continente”.

In migliaia sono morti, impiccati, bruciati, torturati, sono stati perseguitati e terrorizzati per secoli e hanno raggiunto i diritti civili solo nel 1964, in una nazione la cui costituzione due secoli fa dichiarava: “gli uomini sono creati tutti uguali”.

400 anni e se la sono voluta.

Io Kayne West non l’ho mai ascoltato, e mai lo ascolterò. In compenso mi riguarderò Django Unchained di Tarantino, un film che mi dà una grande soddisfazione.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!