Scuola, riuscito il referendum a pagamento

Pubblicità

Un’altra pagina di politichetta demagogica e destroide fatta sulla pelle dei nostri ragazzi. Un altro triste tassello che dimostra come il Ticino riesce sempre, per biechi giochi di orticello, a rimanere fermo al palo.

Di

Riuscito il referendum contro “La scuola che verrà”. E volevo pure vedere che non riusciva. Pagando le firme, anche io da solo riuscirei a indire un referendum per togliere i semini dal pane ai quattro cereali. Se poi vado in giro raccontando che il governo cattivo vuole abolire il pane, il gioco è fatto.

Ed è poi quello che è successo alla fine della fiera. Un titolo fuorviante e subdolo (No allo smantellamento della scuola pubblica ticinese), dei raccoglitori di firme, alla faccia della democrazia, prezzolati da Siccardi della Medacta, magnate di Area Liberale. E questi stessi raccoglitori che andavano in giro dicendo che la sperimentazione voluta dal parlamento e dal DECS voleva demolire la scuola ticinese. (leggi qui)

Bel quadretto, vero? Questa è la democrazia, questi sono i metodi, veramente da poverini, che utilizzano l’UDC e i suoi accoliti, Lega in primis. Una Lega che di scuola non capisce un fico, né mai se n’è interessata (leggi qui) . Ora si andrà in votazione, già perdendo un anno, e se dovesse passare il referendum in votazione popolare, mancheranno altri quattro o cinque anni prima che ci sia una riforma nella scuola. Ricordiamo che la scuola ticinese è ferma al palo da 30 anni. Hai voglia poi di accettare le sfide del futuro, con che “armi”? Arco e freccette?

Mi spieghino poi questi signori cos’hanno contro l’eliminazione dei livelli e classi dimezzate dove i docenti possono seguire meglio gli allievi. Perché mica c’è un’alternativa pronta, a parte una delirante proposta di Morisoli che vorrebbe le selezione degli allievi già dalle elementari e via libera alla scuola privata.

Un’altra pagina di politichetta demagogica e destroide fatta sulla pelle dei nostri ragazzi.

Un altro triste tassello che dimostra come il Ticino riesce sempre, per biechi giochi di orticello, a rimanere fermo al palo.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!