D’Errico, ma ti fanno così paura gli stranieri?

Pubblicità

Aron D’Errico, consigliere comunale leghista di Locarno, chiedeva il voto segreto sulle naturalizzazioni per paura di ritorsioni dopo un diniego.

Di

Leggiamo dell’ultima mozione proposta dal  consigliere comunale leghista di Locarno Aron D’Errico, del quale, in effetti, non ci occupavamo da un po’. (Ti mancavamo, D’Errico, vero?).

Il giovane virgulto leghista, celebre per le sue interrogazioni delle quali, a volte, trovare un senso è impresa titanica, nonchè per i suoi articoli impegnati e di grande impatto sociale sul Mattino Della Domenica, come quello contro i kebabbari, ha ricevuto picche dal Consiglio comunale (21 NO, 10 Si, 1 astenuto) riguardo la sua mozione sull’introduzione del voto segreto per le naturalizzazioni.

Ora, se si può discutere dell’oggetto in sè, dato che la pratica è in uso in altri Cantoni, ciò che fa quanto meno sorridere sono le motivazioni alla base, ovvero “mettere al riparo da ritorsioni i consiglieri comunali”. Ritorsioni, capite? Come se tutte le persone a cui viene negata la naturalizzazione fossero pericolosi criminali stranieri pronti ad andare sotto casa di D’Errico e menarlo per il suo voto contrario.

D’Errico, perdonami, ma in quale mondo triste e cupo pensi di vivere? Ma vivi sereno nell’immaginarti circondato da stranieri pronti a prenderti a bottigliate per le tue opinioni? Dico, stai bene? Nessun problema di ansia, angoscia? Dormi bene la notte o temi che qualcuno ti lanci un sasso alla finestra e ti urli “spaco botilia ti amazo familia”?

E soprattutto, è questa la tua opinione degli stranieri, pensi che siano tutti gente violenta e vendicativa? Caro giovane Aron, nel caso ti fosse sfuggito, avere una carica politica comporta anche l’assumersi le proprie responsabilità, soprattutto quelle delle opinioni che esprimi e dei voti che dai sulle proposte, che spesso, come in questo caso, coinvolgono la vita di altre persone. Persone, capisci? Come te, come me, come tutti. Persone a cui tu, come rappresentante politico, devi rendere conto, senza nasconderti sotto le confortevoli gonne del voto segreto.

Perchè anche se non si chiamano Bernasconi o Maspoli, anche se hanno cognomi in -ic o con intrecci di consonanti e vocali, sono cittadini della città che anche tu amministri,  e nel momento in cui tu decidi per loro te ne assumi la responsabilità. Altrimenti così siamo bravi tutti. E anche perchè, come ti ha spiegato il Municipio, le decisioni prese richiedono una motivazione, che difficilmente verrebbe espressa in un voto segreto. O forse, D’Errico, dato che a pensar male si fa peccato ma spesso si indovina, dobbiamo pensare che vuoi il voto segreto proprio per non dover motivare i tuoi dinieghi, perchè magari non hanno delle motivazioni concrete al di là del tuo vedere un potenziale criminale in ogni straniero, e sono fondate solo su pregiudizi? Diccelo, Aron: vuoi il voto segreto per fare un po’ quel cavolo che ti pare? Lo capiamo, eh. Come diceva Andreotti, il potere logora. È sicuramente pesante dover guardare in faccia le persone e spiegare perchè hai detto NO alla loro richiesta di naturalizzazione, anche se magari vivono da anni accanto a te e sono perfettamente integrate. Ma sai com’è, fa parte degli oneri di quella carica per la quale ti sei candidato e sei stato eletto. Se non reggi la pressione, caro Aron, non serve che ti fai il fegato amaro o che vivi nell’angoscia che qualcuno ti aspetti sotto casa: lascia pure la tua carica a qualcuno più tosto, e vivi sereno e senza pensieri. Lo diciamo per te, davvero.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!