Che perfida pubblicità! Voce alla community di GAS

In questi giorni è riapparsa la pubblicità, edita dalla polizia di Lugano, e da un creativo che deve avere dimenticato il cervello in un vasetto di sottaceti. Nel manifesto, che rende attenti i cittadini, la foto di un bambino che chiede l’elemosina con sullo sfondo un criminale col passamontagna.

Di

In questi giorni è riapparsa la pubblicità, edita dalla polizia di Lugano, e da un creativo che deve avere dimenticato il cervello in un vasetto di sottaceti. Nel manifesto, che rende attenti i cittadini, la foto di un bambino che chiede l’elemosina con sullo sfondo un criminale col passamontagna. L’idea è di non fare l’elemosina perché poi i soldi, a loro dire, vanno a foraggiare la malavita.

non donare

Questa pubblicità ha sollevato polemiche anche l’anno passato e ora, con ostinazione bovina, la polizia ce la ripropone. Io ho fatto un esercizio interessante, ho chiesto ai membri della community di GAS di darmi i loro pareri.

Alcune suggestioni (non tutte purtroppo), le riporto qui. Trovo sia più interessante carpire questi spezzoni di pensiero che riassumerle in un articolo, ecco la parola allora ai membri della nostra community (di cui peraltro andiamo fieri):

A me sembra un atto di discriminazione razziale presentare l‘immagine di un bambino apparentemente rom per associarlo all’accattonaggio. Mi piacerebbe anche sapere se chi l’ha usata ha acquistato i diritti su quella foto e se sono stare violate in qualche modo regole internazionali e non sulla tutela dell’infanzia.

Mi sembra che Lugano abbia altre priorità. Visti e respirati… gli elevati livelli di ozono di questi giorni, se si facesse piuttosto una campagna in favore dell’ambiente ? Francamente trovo questi cartelloni di cattivo gusto.

Io lo trovo indegno. E se metto insieme questo disgustoso cartellone con le promozioni in polizia di chi inneggia a fascismo e nazismo, rabbrividisco, nonostante la canicola.

Sicuramente non è un problema prioritario per Lugano, sarebbe stato di gran lunga meglio investire queste risorse per altri scopi.
2. Il manifesto è indegno.
3. Aiutare il prossimo dovrebbe essere un gesto distintivo che ogni cittadino dovrebbe fare proprio. Dovendo scegliere un modo sappiamo tutti che dare contante ad un bambino non è una prassi intelligente, meglio di gran lunga cibo, vestiti, etc.

Lo trovo semplicemente vergognoso ed ulteriormente lesivo dei diritti dei minori. E poi il Diabolik di fondo è la ciliegina sulla torta

Le organizzazioni mafiose sono presenti in molti settori, per equità bisognerebbe fare un cartello per ognuno di essi. Sarebbe divertente vedere dei cartelli con scritto “non comprate casa perché rischiate di dare i vostri soldi a qualche…..” o “non date i vostri soldi a qualche fiduciaria….”, eppure di fiduciari ne sono finiti dentro tanti. Evidentemente qui, mostrando un bambino di un’altra etnia si vuol dare l’impressione che a delinquere siano solo gli altri e che sicurezza ed immigrazione siano legate. Le solite distorsioni propagandistiche della realtà.

Questo cartellone, come dissi giá a suo tempo, dovrebbe essere ILLEGALE!
1 – Non svolge alcuna funzione di prevenzione né tantomeno di sensibilizzazione.
2- Associare un minorenne alla delinquenza é a prescindere PERVERSO, come coloro i quali hanno concepito questo cartellone.
3- Ma porca di quella puttana (scusate, quando é troppo é troppo!) ma se su una pubblicitá così ci fosse vostro figlio minorenne (per “vostro figlio minorenne” intendo il figlio del genio che ha concepito questo schifo) vi farebbe piacere??? Quel bambino ha dei genitori ed é eticamente sconcertante che un municipio tolleri una simile porcheria!
4- Non dare il tuo voto a certa gente, rischi solo di instillare paura e odio nelle persone e di rendere possibili certe nefandezze da psicopatici!
Ecco, ho detto tutto.

Affiancare un bimbo che chiede l’elemosina a un criminale adulto è un messaggio che fa rabbrividire. Sembra quasi volerci allertare sul fatto che se gli diamo i soldi cresciamo dei criminali. Non lo so a ne queste cose danno il voltastomaco!
Comunque questo video a me ha dato speranza, qualcuno si impegna a aprire un mondo, non siamo soli.

Già il concetto di etnia a me fa venire un po’ il nervoso… noi di che etnia siamo? Ticinesi? Insubrici? Mitteleuropei? Indoeuropei? Elvezi? Comunque l’osceno manifesto esprime bene le idee di buona parte del municipio, secondo me.

L’avevo visto settimane fa in stazione a Lugano, ho fatto una foto con l’idea di pubblicare e contattare qualche associazione interessata, poi ho lasciato perdere. Nelle intenzioni della campagna c’era il concetto di donare cibo e non soldi, un dettaglio fondamentale per mettere a fuoco il concetto, ma la frase è stata tolta. Rimane il rimando all’equazione zingaro equivale ad accattone e ladro. Una campagna tra l’altro non a firma di un partito estremista, ma della polizia. Tristezza (no, molto peggio).

Associare il ragazzino, perché scuretto e mal messo, al criminale in cagoule è certamente un preconcetto razzista

Io lo trovo indegno. E se metto insieme questo disgustoso cartellone con le promozioni in polizia di chi inneggia a fascismo e nazismo, rabbrividisco, nonostante la canicola.

Non mi piace assolutamete che la polizia si permetta di pubblicare la foto di un minorenne da denunciare

La mia domanda..è c era proprio bisogno di mettere la foto di un bimbo..di una certa etniaun po “colorato”???? Gia che abbiamo un sacco di gente piena di pregiudizi in un momento di intolleranza totale???questo cartellonre io lo trovo poco responsabile..sopratutto se ideato dalla polizia.

Chi ha ideato questa opera d’arte non e’ definibile ancor meno chi ne ha autorizzato la diffusione. Si nota come il decadimento delle istituzioni partendo dall’alto sia inesorabilmente a caduta libera .

La sola cosa che torno a chiedermi, come ha fatto anche xxx sopra, riguarda il bambino della foto. Le foto di minori si possono pubblicare solo con l’autorizzazione dei genitori o di un legale tutore. Secondo: se anche i genitori abbiano accettato di far eseguire lo scatto, sapevano il senso ultimo di questa cosa? Oppure, ed è vergognoso perché porta il nome di un’autorità, la suddetta autorità ha preso una foto di un bambino che nessuno difende e per il quale nessuno farà causa. Come tutti i bimbi poverelli del mondo che finiscono sui nostri giornali. Io ci vedo gli estremi per approfondire…

 Il manifesto è stato commissionato alla Mazzantini e associati dalla città di Lugano diversi anni fa. Comunque a prescindere l’accostamento “bambino riconoscibile come rom” e la figura mascherata “riconoscibile come terrorista” provoca un corto circuito mentale che associa tout court la povertà alla criminalità di un certo spessore. Ora che ci sia un racket dietro agli elemosinanti non è poi cosi sicuro, di certo non è un racket che diventa milionario con quelle decine di franchi che essi “tirano su” in una giornata. A me non piace per niente questo messaggio, è mal concepito, mal espresso, e ancor peggio raffigurato. Sono manifesti inoltre che sono stati posti dopo la figura di palta della polizia quando hanno cercato di allontanare un gruppi di ragazze che elemosinavano soprattutto in stazione a Lugano, le quali, accompagnate sui treni diretti in Italia, sono scese a Paradiso (ciò un paio di volte, successo durante un pomeriggio, una cosa quasi comica). A me viene quindi da pensare che questi manifesti siano perlopiù stati installati per far dimenticare quell’azione ridicola e mal organizzata

Unisciti alla Community!

 

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!