Il diritto alla tortura

Ma si rendono conto queste persone che magari domani sarà un loro figlio a finire in questura con allegri celerini che possono prendere a mazzate chi vogliono? Eh sì, perché anche i figli dei fascisti finiscono dentro, mica solo le zecche rosse.

Di

Questa l’ultima trovata dei fascisti al governo in Italia, è una delle numerose amenità che come numeri di un circo si seguono in pista una dietro l’altra con la sola regola di divertire il pubblico. La trovata, se così si può chiamare, viene dai fascisti di Giorgia Meloni, Fratelli d’Italia.

37074784_10156486351784814_1232342893088210944_n

Cioè, ci si spieghi, perchè non si capisce per quale motivo si dovrebbe abolire il reato di tortura. Per fare lavorare meglio i poliziotti? Ma stiamo scherzando? Aboliamo allora anche il reato di esecuzione accidentale, d’altronde a chi non scappa un colpo di pistola ogni tanto? Ma si rendono conto queste persone che magari domani sarà un loro figlio a finire in questura con allegri celerini che possono prendere a mazzate chi vogliono? Eh sì, perché anche i figli dei fascisti finiscono dentro, mica solo le zecche rosse.

La legge, varata nel 2017, circa un anno e mezzo fa, dichiara:

“Chiunque con violenze o minacce gravi, ovvero agendo con crudeltà, cagiona acute sofferenze fisiche o un verificabile trauma psichico a una persona privata della libertà personale o affidata alla sua custodia, potestà, vigilanza, controllo, cura o assistenza, ovvero che si trovi in condizioni di minorata difesa, è punito con la pena della reclusione da quattro a dieci anni se il fatto è commesso mediante più condotte ovvero se comporta un trattamento inumano e degradante per la dignità della persona.”

Il provvedimento, figlio della condanna da parte della Corte Europea dopo la mattanza della scuola Diaz (leggi qui), in cui decine di persone vennero incarcerate, picchiate e seviziate, voleva dare un limite a chi, nell’esercizio delle sue funzioni, usa la mano pesante con disinvoltura.

Oggi, questa genta brutta al governo, sembra davvero volere tornare ai tempi di Mussolini. Tra poco proporranno il confino per omosessuali e oppositori politici. Non è questione di “se”, ma di “quando”.

 

 

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!