La Polonia come l’Ungheria

Pubblicità

I quattro Paesi centroeuropei sembrano dettare legge e far cadere nell’ombra la neonata democrazia appena uscita dalle ceneri del comunismo sovietico

Di

Che soprattutto nei Paesi del gruppo Visegrad* l’autoritarismo mascherato da nazionalismo avanzi a grandi falcate non è più un segreto per nessuno.

Avevamo parlato più volte delle derive di estrema destra e dei conflitti con la magistratura, come in Ungheria. Scrivevamo infatti, solo il giugno scorso su Victor Orban:

“ Ha limitato le manifestazioni pubbliche. Ha creato tribunali speciali per giudicare gli atti amministrativi del governo, sistema, che detto in parole povere, para il culo ai politici bypassando i tribunali tradizionali e le loro rogatorie.” (…) (leggi qui)

Oggi tocca alla Polonia, dove è l’ex premio Nobel per la pace Lech Walesa, non certo tacciabile di essere filocomunista, ma anzi conservatore e ultracattolico, a difendere le toghe “rosse”, un termine a cui ci aveva abituati l’Italia berlusconiana quando le sentenze non erano allineate ai desideri del governo.

È infatti l’accusa che il premier Mateusz Morawiecki lancia alla Corte Suprema, definita un covo di comunisti. Siamo al solito copione che segue delle linee direttive chiare e anche semplici: eliminare o limitare fortemente tutte quelle forze che possono smascherare o creare imbarazzo al governo in carica. È quello che è successo duramente in Turchia (leggi qui), ed è esattamente quello che stiamo vedendo in questi giorni in Italia in merito allo scandalo dei 49 milioni trafugati dalla Lega in cui sembrerebbero coinvolti anche Salvini e Maroni.

L’inghippo è semplice. Il mandato dei giudici della corte suprema (iscritto nella Ccostituzione) dura 6 anni, ma il limite di pensionamento per i dipendenti pubblici è di 65 anni. La legge è chiara, la prima opzione ha la precedenza sulla seconda, anche perché spesso i giudici supremi sono gente di età ed esperienza, e molti sono vicini all’eta di pensionamento. Difficile procedere con rogatorie e processi se, per esempio, si viene nominati a 63 anni e si deve lasciare dopo solo un paio. La riforma di Morawiecki, che colpirebbe ben 29 magistrati, è perciò definita una purga vera e propria.

La presidente della corte, Malgorzata Gersdorf, a muso duro, ha detto che non se ne va. La Gersdorf è forte del sostegno della comunità europea che ha criticato la riforma e da uno stuolo di sostenitori tra cui anche, appunto, Walesa.

Quella che critica le azioni del premier polacco è una comunità europea che sembra però perdere i suoi pezzi, non avendo praticamente quasi mai il coraggio di varare una linea dura verso il gruppo Visegrad. I quattro Paesi centroeuropei sembrano dettare legge e far cadere nell’ombra la neonata democrazia appena uscita dalle ceneri del comunismo sovietico. Per ora la magistratura regge, ma fino a quando?

*Alleanza di 4 Paesi dell’Europa centrale e dell’Est: Ungheria, Polonia, Slovacchia e Repubblica Ceca.

 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!