Preferisco i fascisti ai bufalari

Pubblicità

Questi mostri nascosti nelle loro stanzette buie con lo schermo del computer che ne illumina i lineamenti distorti, questi goblin dell’etere che con i loro telefonini si acquattano negli angoli non hanno morale né etica.

Di

Eh si cribbio, che nostalgia. Per arrivare a rimpiangere i fascisti veri ce ne vuole. Almeno quelli hanno le idee in chiaro e non si nascondono dietro a un dito (di solito). Sono nazionalisti, anti-immigrati, non gli piacciono i negri e le zecche rosse.

Semplice, pulito. In questi giorni invece si vede un rigurgito di feci che non solo tornano a galla, ma permangono e galleggiano allegramente. La malattia dei social basata su notizie false e fuorvianti sta raggiungendo limiti d’idiozia e cattiveria inenarrabili. Soprattutto in merito ai recenti morti in mare, quei 100 profughi tra cui tre bambini di pochi anni di vita.

Qui si è sentito di tutto: “Sono dei fotomontaggi”, “è un bambolotto si nota dal pugno chiuso, gambe rigide e capelli finti!!!”, “hanno ancora attaccato ai vestiti il cartellino della Chicco”, “sono bambole realistiche”, “le stesse ONG hanno ammesso che è un falso” e via così.

Che la stessa agenzia dell’UNHCR abbia confermato i fatti e i morti è una questione secondaria.

Una caterva di porcherie di una disonestà intellettuale spaventosa, di un’ottusità e ignoranza belluine. Questi mostri nascosti nelle loro stanzette buie con lo schermo del computer che ne illumina i lineamenti distorti, questi goblin dell’etere che con i loro telefonini si acquattano negli angoli non hanno morale né etica.

Chi pubblica cose del genere è un disonesto e anche un bastardo, diciamolo. Perché o sei completamente idiota e allora parzialmente scusato, oppure sai benissimo che sono dei falsi e li diffondi scientemente sapendo di mentire. E non tiratemi fuori balle, una minima verifica permette di sapere in pochi secondi se è una bufala o no, una verifica che può fare anche il mezzo idiota di cui sopra.

Certo che se poi squallidi media come il Mattinonline trasmettono loro stessi queste porcherie diventa difficile (leggi qui), (e qui), (e qui), (e qui), (e qui), (e qui), anche perché la maggior parte di queste bestie condividono senza nemmeno leggere. A loro basta essere contro e costruirsi il loro mondo, un mondo che li giustifica parzialmente: le ONG ci fanno lucro, è colpa della politica che non trova soluzioni, noi non c’entriamo nulla.

Stessa cosa per la bufala secondo cui i profughi dell’Aquarius avevano i videogames sulla nave (e siamo all’idiozia pura) o buttavano i vestiti nuovi che la Croce Rossa gli aveva fornito (anche qui doverosa smentita della stessa Croce Rossa).

Un’altra particolarmente odiosa è quella secondo cui a Londra ci sarebbero stati disordini in cui i musulmani avrebbero aggredito degli automobilisti che transitavano per una via che loro volevano chiusa per il Ramadan. La bufala corroborata da tanto di video, filmato da lontano e di notte, mostra persone che prendono a bastonate delle auto e tafferugli in strada.

Peccato che è una bufala made in Switzerland. Le immagini del video, infatti, mostrano i disordini tra ultras del Basilea e dello Zurigo.

Ecco perché preferisco i fascisti vecchio stampo. Quelli almeno sai dove vai a finire. Con questi animali, il futuro è tutta un’incognita.

 

 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!