Foa bocciato, ma presidente per forza

Pubblicità

Di

Marcello Foa è stato bocciato. Questo il verdetto della Commissione di Vigilanza sulla Rai che poco fa ha votato per la ratifica della sua nomina a presidente del CDA. PD, LeU e soprattutto Forza Italia, la grande sorpresa, hanno fatto mancare il quorum dei due terzi dei voti necessari. Altra bocciatura, dopo quella ricevuta tempo fa da parte della RSI (leggi qui)

E ora? Ci riprenderemo Foa in Ticino? Pare di no. Fatta la legge, trovato l’inganno. Stando alle dichiarazioni di Paragone (M5S), la maggioranza Lega – 5 Stelle chiederà a Foa di non dimettersi, così che, sfruttando un cavillo legale e una coincidenza che non sembra neanche troppo tale, possa comunque presiedere il cda RAI come consigliere anziano. Insomma, chi se ne frega del Parlamento e della democrazia. La dichiarazione di Davide Casaleggio sulla futura inutilità del Parlamento deve essere stata proprio presa alla lettera. E chi se ne frega anche del fatto che il presidente Rai debba essere una figura di garanzia e non un uomo di parte e fazioso: perché alle dichiarazioni di Foa di essere superpartes, francamente, credono solo i bambini. È l’ennesima riprova del “nuovo corso” del governo italiano, fatto di prove di forza e esibizioni muscolari mediatiche. Auguriamo comunque a Foa un buon lavoro, sperando che l’attendere i 150mila riservisti americani non gli porti via troppo tempo e che non arrivino documenti farlocchi della polizia a impedirgli di dirigere il servizio pubblico e l’informazione liberamente.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!