Gaszebo – Gli eventi in Ticino dal 7 al 13 Settembre

Se non siete tagliati per il paese dei balocchi e non volete correre il rischio di risvegliarvi con le fattezze di certi asinelli descritti nel Pinocchio di Collodi, con noi del GAS si va sul sicuro.

Di

L’estate è ormai un vago ricordo al pari di certe notti in cui avete seguito il vostro amico Lucignolo in locali e luoghi francamente poco raccomandabili? Se non siete tagliati per il paese dei balocchi e non volete correre il rischio di risvegliarvi con le fattezze di certi asinelli descritti nel Pinocchio di Collodi, con noi del GAS si va sul sicuro. Seguiteci come fossimo il coniglio bianco di Alice. Abbiate fiducia, perché con noi non si rischia nulla, tranne di andare a zonzo con GASzebo per i quattro angoli della Svizzera italiana alla scoperta degli appuntamenti più divertenti e invitanti che i prossimi sette giorni ci offrono. E, nel caso tu ci volessi segnalare qualche evento che ti sta particolarmente a cuore, scrivici a gentecheaccende@gmail.com

Venerdì 7 settembre 2018 “Verzasca Foto Festival”

Verzasca foto festival

È nientepopodimeno che “il bosco interiore” il tema della quinta edizione del Verzasca Foto Festival, rassegna dedicata alla fotografia che si tiene anche quest’anno a Frasco e dintorni. I progetti esposti a cielo aperto, in dialogo con l’ambiente e la magia della natura circostante, amplificano l’idea del verde come carburante e scintilla della creatività. Un’occasione unica e irripetibile per camminare ed errare nei boschi della Val Verzasca, immersi in un universo primordiale e libero seguendo un percorso da cui trarre ispirazione confrontandosi con le immagini, gli scatti di 20 artisti locali e internazionali. Perché se la natura è lo specchio dell’anima, ogni cosa che puoi immaginare, la natura l’ha già creata.

www.verzascafoto.com

Sabato 8 settembre 2018 “Càvea Festival ad Arzo”

Cavea Festival Arzo

Un festival musicale all’interno delle cave di marmo di Arzo. Un anfiteatro naturale tutto da scoprire. Un’idea semplice ma geniale. Sì, perché le cave di Arzo, grazie ai recenti lavori di restauro, hanno recuperato uno splendore che merita di essere restituito a tutti e quale occasione migliore di una grande festa della musica per farlo? Ad aprire le danze, a partire dalle 18.00, sarà il collettivo Terry Blue, giovane formazione con un album fresco fresco di stampa. Poi Sebalter e – a seguire – una vera e propria ciliegina sulla torta, perché a esibirsi ci sarà Jack Jaselli con la sua band. Cantautore e chitarrista milanese, Jack ha collaborato con Jovanotti oltre che l’onore di aprire un concerto di Ben Harper. Per concludere, la prima edizione del Càvea Festival non poteva non avere anche una formazione a chilometro zero come i Make Plain. Quando si dice “un festival granitico”.

www.cavaviva.ch

Domenica 9 settembre 2018 “Dietro le quinte a Ligornetto”

A partire dalle 14.30, al museo Vincenzo Vela di Ligornetto, in occasione delle Giornate dell’Anno Europeo del Patrimonio Culturale, propone un duplice appuntamento, il primo con il restauratore Pierre Jaccard che ha curato il restauro dell’opera il Danzatore del 1921. E poi, per chi lo desidera, per i più curiosi ci sarà la possibilità di visitare i ricchi depositi del Museo Vela. Una bella iniziativa organizzata dalla SSAS-Società di storia dell’arte in Svizzera che propone appunto delle visite guidate a cura di Valeria Frei (tedesco e italiano, a seconda della richiesta) e Valérie Clerc (francese). È gradita l’iscrizione all’indirizzo: frei@gsk.ch. Per la serie “c’è un museo… sotto al museo”.

Lunedì 10 settembre 2018 “Fuga dalla Russia al cinema LUX”

Ovvero la storia, il diario del ticinese Michele Raggi, nella bufera della Rivoluzione sovietica. Una docufiction di Ruben Rossello prodotta dalla RSI e presentata in anteprima alle 20.30 al cinema LUX di Massagno. Michele Raggi, agronomo di Morcote, fu il fondatore della Colonia agricola italo-svizzera di San Nicola e sarà uno degli 8’000 svizzeri che scapperanno dalla Russia dopo la Rivoluzione bolscevica dell’Ottobre del 1917. Inizialmente favorevole ai moti rivoluzionari, diverrà poi molto critico e fuggirà di fronte al caos e alla violenza. Lascerà un diario, appassionato quanto amaro. Intuirà molte cose, ma non farà in tempo a vederle realizzate. Morirà pochi giorni dopo aver portato in salvo la famiglia a Morcote. Il film è tratto e adattato dal suo diario. Caro diario.

www.luxarthouse.ch

Martedì 11 settembre 2018 “IBM: 107 anni di continue trasformazioni”

Alle 18.00 al Ristorante Hotel Pestalozzi verrà ripercorsa la storia di una delle aziende che hanno contribuito in maniera determinante alla rivoluzione digitale. Un incontro pubblico voluto dalla Fondazione Möbius Lugano che s’inserisce nel nuovo ciclo “Il passato digitale ultimo e scorso”, organizzato in collaborazione con Coscienza Svizzera. La serata sarà una sintesi efficace e ritmata di un percorso che parte dalle schede perforate per i censimenti USA di fine Ottocento e, passando per le bilance e le affettatrici di inizio Novecento, arriva ai mainframe e al primo personal computer, per poi trasformarsi in azienda che offre servizi e, oggi, soprattutto soluzioni. Perché noi siamo scienza, non fantascienza!

www.moebiuslugano.ch

Mercoledì 12 settembre 2018 “Tra memoria e futuro nel segno del patrimonio culturale”

“Forse in Vittorio Sereni operava la suggestione delle parole di Cocteau quando, dopo essersi domandato se Arthur Rimbaud avesse mai parlato a Lugano ‘con un ferroviere, o col cameriere di un ristorante’, se ci fosse mai stato qualcuno che potesse dire di avere scambiato qualche parola con lui, concludeva rassegnato che era ‘come voler dare un nome a un’impronta rimasta sulle pareti di una catacomba’”. Libri che parlano di libri al centro dell’evento collaterale alla mostra “Il patrimonio si racconta. Valori e visioni culturali nel Cantone Ticino”. In programma dalle 18.15 alla Biblioteca cantonale di Locarno con Edgardo Franzosini e Stefano Vassere, riflettendo sulla varietà delle pratiche di lettura, sarà proprio lo scrittore Edgardo Franzosini a entrare nel merito della questione presentando i suoi ultimi due libri: “Il mangiatore di carta” edito lo scorso anno da Sellerio e “Rimbaud e la vedova” pubblicato nel 2018 da Skira.

www.sbt.ti.ch/sbt/

Giovedì 13 settembre 2018 “Passeggiata tra i meli della Capriasca”

Mele Capriasca

L’appuntamento è al Centro Sportivo Capriasca e Val Colla di Tesserete. Fra le 18.30 e le 19.30. Perché se una mela al giorno toglie il medico di torno, una passeggiata tra i meli della Capriasca ha l’effetto benefico di un elisir di lunga vita. Una passeggiata che è una delle tante iniziative degli undici giorni, tutti da gustare, di Lugano Città del Gusto, la rassegna enogastronomica pensata per divertirsi e imparare mangiando. Nel ricco programma di eventi che faranno di Lugano la capitale svizzera del gusto 2018 anche la passeggiata con la biologa Muriel Hendrichs che ci guiderà tra i meli antichi e nuovi della Svizzera italiana. Un’opportunità voluta da Slow Food Ticino per dare modo a tutti di conoscere la storia del territorio attraverso i suoi prodotti agroalimentari.

www.luganocittadelgusto.ch

 

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!