Isoardi in picchiata di ascolti

Elisa Isoardi, compagna di Matteo Salvini, esordiente conduttrice de “La prova del cuoco” riesce in un record molto poco lusinghiero: far crollare gli ascolti del programma.

Di

Vi rammentate di sicuro Elisa Isoardi, l’avvenente compagna di Matteo Salvini. La ricordiamo per una gossippara storia di corna, in cui si baciava con l’avvocato, anche lui Matteo, Placidi. Salvini fece finta di nulla e la perdonò. Da allora la Isoardi si è distinta per essere una delle donne più gregarie tra i vip. Ombra del suo Matteo, si dice fiera di stirargli le camicie e di essere la sua ombra.

La Isoardi, che non è stupida, ha di sicuro pensato che farsi perdonare da Matteo le avrebbe in qualche modo spianato la via in televisione.

L’esordio a “La prova del cuoco”, storicamente condotto negli ultimi anni dall’ubertosa e popolare Antonella Clerici, è stato nella media, ma nell’arco di tre giorni la Isoardi non ha convinto ed è crollata nei sondaggi facendo il peggior share del programma che ha una storia quasi ventennale. 100’000 spettatori al giorno persi dalla Isoardi, la portano a uno share del 14,1%, con un milione e 361 mila spettatori.

Difficile dire se Elisa Isoardi ha pagato l’impietoso confronto con l’amata e casereccia Antonella Clerici, che non disdegnava di mettersi il grembiule e di infilare le mani negli impasti, o se ha in qualche modo pagato la vicinanza con Matteo Salvini. Rimane un fallimento che se protratto potrebbe, come in altri casi recenti, portare a un rimpasto del programma o alla sua soppressione. Era successo alla Tatangelo con il programma di Moccia “About love” o alla berlusconiana Paola Perego con “Parliamone sabato”, il cui programma fu in quel caso soppresso per accuse di sessismo.

Dubitiamo però che alla “fedele” compagna di Salvini succederà la stessa cosa. Avere dei santi in paradiso serve. Averli in governo ancora di più.

 

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!