Metrosexual? No, Social Media Addict!

Di

Bel compitino ci ha dato il nostro caporedattore, assatanato compulsivo di social media.

Dovrei parlarvi di come l’uso smodato dei social porti ad un abbruttimento dei rapporti affettivi in generale e di quelli sessuali in particolare.

Insomma dei pescatori compulsivi di figa su Fb e in chat.

Ecchenesò io, già la vita è dura fuori dalla chat, figuriamoci se sei dentro.

Andiamo con ordine e non facciamoci prendere troppo la mano. Hai problemi affettivi o ancor meglio, sessuali?

Analizziamo il fatto agli antipodi e torniamo alle nostre origini…

Ma tu hai anche solo la più remota idea di quel che significhi crescere con dei genitori sempre connessi? Diventi un evento social, fai la cacca e postano la cacca, fai il ruttino e fanno un meme, vomiti e ti ritrovi il filmato su Youtube. Non sei mai solo, tutti ti stanno a guardare incessantemente, sei ben accudito e ti sommergono di Like, tutto il tempo, ogni giorno, ad ogni ora, forever. Tanto che di affetto non ne puoi più, ti fa quasi schifo!

Cresci e una strana idea ti balena per la testa, ma come faranno quei poveri sfigati che hanno dei genitori senza follower e che se non sono in Rete 25 ore su 24 gli viene l’orticaria? Che pena mi fanno! E che solitudine devono soffrire…

Guarda invece me, cresco sano forte vigoroso, sì, ho qualche problemuccio con gli affetti, non ho una ragazza e il sesso non mi riesce molto bene, sono un po’ impotente, ma la verità è che non ho mai trovato nessuno alla mia altezza, avevano tutte meno follower e scarseggiavano con i like.

Insomma, mica mi potevo buttare via così, con la prima venuta!

Vero è che il corteggiamento, i fiori, l’attesa col batticuore, il guardarsi negli occhi mano nella mano, sono andati a farsi fottere e hanno lasciato il posto alle chat ai speed date, ai siti per incontri, a Tinder, scorri trova chatta, dove l’unica cosa umana è il like con il sorrisino da ebete.

Ora l’amore lo si fa in chat, il mi piaci viene inviato con un tasto e ci si lascia senza troppi patemi, bannandosi e basta.

Vediamo ora il lato positivo, semmai ne dovessimo trovare uno che passa quatto quatto.

Non ci si trasmette l’herpes attraverso baci e slinguazzamenti vari, non si suda, non si spreca acqua e non si sporcano le lenzuola, tutto viene eseguito nel modo più asettico possibile.

Non si spendono soldi per inutili fiori che non profumano e che dopo due giorni mollano la testa, non ci si imbarca in insulse cene a lume di candela e non ci si deve più strusciare su smunte poltrone dentro ad uno squallido cinema.

Anche i sedili della vostra macchina rimarranno intonsi, per non parlare dell’ascensore di casa tua e del postino che non dovrà più suonare alla tua porta. Ora è tutto più immediato, più veloce, più pulito, più… , ma quanta poesia in meno, quanti sguardi andati persi, quanta voglia di toccarsi che non c’è più.

E poi parlano di calo demografico, di analfabetismo digitale, di social addict compulsivi.

E te credo! Riempiamo le nostre giornate di like, i nostri pensieri di follower e passiamo le nostre notti a chattare con perfetti sconosciuti dall’altra parte del globo e ci perdiamo il profumo di un fiore, le stelle che brillano nella notte e gli amici che ti abbracciano forte e piangono con te perché i like ricevuti oggi sul post della torta di pane, sono meno di quelli di ieri con la crostata di ciliegie e si sdraieranno sotto qualche albero a bannare l’ultimo like andato perso fra le chat vuote di un giorno che sta finendo.

Rimarrai a bocca aperta, una bocca dove ormai entreranno solo mosche, assuefatto al suono della tastiera e ammaliato dal profumo di plastica del mouse che sarà l’unica cosa che terrai in mano per questo tuo viaggio virtuale e ti addormenterai così, col monitor acceso, stregato da un mouse che scivola suadente fra il dolce ticchettio della tastiera che ti culla con la sua armonia e la fievole luce dello schermo che ti dice che anche lui, oltre alla tua vita affettiva e sessuale, è andato in modalità risparmio.

 

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!