Morisoli &Co., meglio di Paperissima

Pubblicità

Alla resa dei conti, il simpatico manipolo di varia umanità che compone gli avversari della riforma della scuola, il peggio che la destra dell’emiciclo possa accorpare, è riuscito, in preda alla disperazione, a far sgorgare dal proprio cervello l’ennesima castroneria.

Di

Nei dibattiti susseguitisi in questi giorni, in mancanza di argomenti, siamo riusciti a sentire cose che voi umani non potete nemmeno immaginare, dalle due generazioni rovinate senza rimedio, alla povera carne degli allievi-cavia incisa col bisturi. Marchesi e Morisoli, ormai quasi in solitaria, visto che manco Quadri ci mette la faccia, continuano coi loro schiamazzi convulsi, che ricordano più attacchi epilettici che esternazioni verbali articolate. 80

L’ultima trovata,è un’astrusa interpellanza in cui una pletora di geni della scuola, da Massimiliano Robbiani ad Andrea Giudici, da Boris Bignasca a Paolo Pamini, starnazzano contro il DECS perché avrebbe plagiato da altri progetti delle idee.

Emanuele Berger giustamente risponde: ma per quale motivo avremmo dovuto plagiare delle cose quando nel progetto c’è tutta la bibliografia delle fonti?

Oggettivamente, riflettendoci attentamente e mettendo sul piatto tutte le considerazioni del caso: ma chissenefrega!

Ma davvero sono tutte qui le argomentazioni del No? Invece di discutere, di spiegare ai cittadini come ragionate (sempre che lo facciate), tirate fuori corbellerie del genere? Se fossi uno che allibisce sarei allibito, se fossi uno che si perplime, sarei perplesso, ma siccome ho fatto satira e faccio ancora vignette umoristiche, rido, di quel riso di compatimento come quando vedi, magari a Paperissima, uno che cade nella pozza fangosa di faccia. Un po’ ti dispiace, dall’altra pensi, ma va’ che merlo questo qui.

A questo punto non mi stupirebbe se tentassero di sparare qualche fake news con fotomontaggi di Bertoli che costruisce bambini-Frankenstein in laboratori segreti nordcoreani.

Insomma, ho quasi vergogna di scriverci su questa roba. Il 23 votate, anche NO se volete, ne avete tutti i diritti, ma se lo fate, almeno abbiate qualche argomento al vostro arco che vi siete studiati da soli, perché i referendisti non vi rendono certo la vita facile.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!