Roberta Pantani può essere definita razzista?

Se già è vergognoso fare dei distinguo sul colore della pelle di chi serve Messa, è ancora più brutto rendersi conto che la Pantani oltretutto parlava a vanvera, perché ora si scopre che i due poveri bimbi, che purtroppo per loro finiscono nell’occhio del ciclone, sono di origine etiope, adottati e svizzeri.

Di

Che Roberta Pantani sia scivolata malamente sulla questione dei chierichetti a Chiasso, alla messa di Don Feliciani non è tollerabile. Le sue dichiarazioni, che abbiamo riportato nell’articolo di ieri, suonano stonate come una trombetta di carnevale in un quartetto d’archi:

“…tanto da utilizzare per la funzione di chierichetti, bambini provenienti da altre culture, migranti pure loro. Ora, con tutto il rispetto dei bambini, che sono uguali in tutto il mondo, mi chiedo quale sia la recondita ragione di tale atto.” (leggi qui)

Se già è vergognoso fare dei distinguo sul colore della pelle di chi serve Messa, è ancora più brutto rendersi conto che la Pantani oltretutto parlava a vanvera, perché ora si scopre che i due poveri bimbi, che purtroppo per loro finiscono nell’occhio del ciclone, sono di origine etiope, adottati e svizzeri. Anche la sezione del PPD chiassese si interroga sulla questione, chiedendosi se sia il caso di:

“…valutare se la signora Pantani sia ancora la persona adatta a dirigere il Dicastero socialità, che si occupa tra l’altro delle delicate questioni legate all’integrazione delle persone più deboli”

Per noi non cambia un fico secco, questo fatto ci spiega però quanto forte sia il pregiudizio di gente come la Pantani, che quando vede nero, è il caso di dirlo, non capisce più niente.

Quei bambini sono svizzeri, signora Pantani, svizzerissimi. Lo sono più di lei, venuta col suo nerboruto padre, vecchia gloria leghista, anni fa dalla Toscana. Respirano la mia aria ed io respiro la loro, mangiano polenta e risotto e parlano italiano. Pregano un Dio cattolico che io non prego perché ateo e gnostico, ma rispetto la loro fede, che tra l’altro in Etiopia è cattolica copta.

Pregano quel Dio che voi sventolate sempre come tradizione bianca ed europea, salvo poi piegarlo ai vostri sporchi giochi come domenica scorsa.

Questi attacchi schifosi che non guardano nemmeno in faccia alle famiglie e ai bambini, sono gli stessi che fa Forza Nuova al parroco di Rebbio, Don Giusto, anche lui in prima linea ad aiutare i migranti e di conseguenza nemico giurato dei fascisti da operetta d’oltreconfine.

Perché quelli lì sono fascisti, possono chiamarsi anche tartarughe ninja ma la nera vena arteriosa che li alimenta è proprio quella del fu zio Benito. Lo sono platealmente i ceffi di Forza Nuova e CasaPound, lo sono più velatamente altre persone che mangiano il risotto insieme a noi.

Quando si parla di razzismo, la domanda è lecita. Lo è Roberta Pantani? Non lo so, so che è una persona gretta, limitata e immiserita nella sua facoltà di giudizio, con banchi di pregiudizi nel cervello come aringhe nel mare.

A voi la scelta. A voi il giudizio. Io riesco solo a continuare a pensare a quella famiglia finita sotto le impietose righe del Mattino, messa all’indice per dei figli d’Africa. E mi viene un po’ da piangere.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!