Sinistra alla riscossa: “Prima sto****o!”

Di

Compagni, amici, fratelli: basta farsi superare in populismo dalle destre benaltriste. Contrattacco, compagni! Dopo il ticinese “Prima i nostri”, il salviniano “Prima gli italiani” e il trumpiano “America first”, è giunto il momento di partire in contropiede.

Propongo formalmente di lanciare l’iniziativa popolare “Prima stocazzo”. Vuoi che non funzioni? Tanto ormai la gente crede a tutto, basta che gli suoni bene. E vuoi che un’iniziativa così non piaccia alle miriadi di allupati in astinenza da quando Quirino Rossi andava alle elementari che popolano il web? Sai quanti voti? Poi si potrebbe andare anche oltre. Tipo istituire la Trombata di cittadinanza.

In fondo è anche giusto, dai: tutti dovrebbero trombare almeno una volta al mese. Che ci pensi lo Stato, no? Sai quanti voti? Dai, raga: che appeal può mai avere una roba che si chiama “La scuola che verrà”? Già che si parla di venire, lavoriamoci su un attimo, no? Vuoi mettere con “La gnocca che te la darà”? Anzi, spè, ne ho una meglio: “Chi vorrà, verrà”! Un plebiscito, ragazzi, sarebbe un successone.

Il sesso, amici. Il sesso fa girare il mondo. Puntiamo su quello, che in fondo è anche un’attività piacevole. Sempre meglio che sparar bombe o far arricchire quelli che son già ricchi, no? Credetemi ormai il popolo è pronto. Anzi è già con noi. Li vedete i titoli dei giornali? Lo spread che si ingrossa? Puntiamo alla crescita? In Germania l’ha giéà capito, se avete notato. Come si chiama il nuovo movimento progressista? Aufstehen, Alzarsi. Un caso? Io non credo. Coraggio, gente, scendiamo in piazza e diamo una scossa a sto paese al solo e unico grido di PRIMA STOCAZZOOOOOOO.

 

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!