Pantani e le gemelle chierichette

Pubblicità

Di

La questione della Pantani e dei chierichetti di Chiasso, proprio non è andata giù a Lorenzo Quadri. In seguito all’ultima mazzata, ovvero il rifiuto dell’associazione “Mani per l’infanzia” di accettare i soldi della municipale chiassese (leggi qui), Quadri non se ne fa una ragione, e dopo aver invitato a boicottare l’associazione stessa, riparte all’attacco con “il post della settimana”.

Il messaggio, di un non precisato signore, parla dell’atteggiamento maschilista che avrebbe avuto un sacerdote nei confronti delle sue nipotine chierichette, nel…2003!

“…le mie nipotine gemelle, che frequentavano l’oratorio al Maghetti, sono state scelte per servire messa la domenica mattina nella chiesa di Sant’Antonio in piazza Dante a Lugano: era così bello vedere due gemelline servire messa! Poi è arrivato un prete imbecille (per dire il suo vero nome) e non le ha più volute, sentenziando: “non voglio femmine sull’altare”; risultato: fatto divenuto noto, dispiacere fra i fedeli, assordante silenzio della Curia, tantomeno della sinistra e dei Verdi. Le mie nipotine ormai 25enni… da quel giorno non sono più andate a messa.”

Il commento del Mattino è commovente:

“Ma tu guarda come cambiano i tempi e i modi di percepire i fatti. Dunque, anni fa a Lugano, due gemelline indigene sono state estromesse dal servizio di chierichetto in quanto femmine!

E “stranamente” i politikamente corretti non fecero un cip…”

Impagabile sentire parlare di gemelline indigene, Quadri deve ormai sentirsi accerchiato come un aborigeno australiano da un branco di dingo. Io 15 anni fa ero probabilmente in sala parto ad aiutare mia moglie a fare nascere la nostra ultima figlia, mi copro il capo di cenere. Il resto della sinistra di solito, non mette becco, nelle questioni della Chiesa, che sono poi affari tra fedeli e sacerdoti. Se non ti piace la Chiesa cattolica te ne vai, e se un prete è misogino, come ce ne sono tanti, mica è un problema di noi politicamente corretti.

C’è solo da sperare, per Quadri, che le due gemellone che ormai sono grandi, deluse dal cattolicesimo non si siano convertite all’Islam. E poi ho anche io un reclamo da fare. A mia moglie, da piccola non era stato permesso di fare la pattugliatrice, perché dei ticinesi razzisti escludevano gli italiani. Per fortuna è donna intelligente e non ha smesso di credere nello Stato.

La sinistra, caro Lorenzo, e anche i PPD a Chiasso, e lo sai benissimo, si sono mossi per l’articolo vergognoso di Pantani (leggi qui). Qui la Chiesa non c’entra nulla, se non come fondale delle sceneggiate che sono seguite. La sinistra si è mossa per difendere due bambini svizzeri da un attacco patetico e vergognoso da parte di una politica con idee retrograde e perniciose. Lo ha fatto per ribadire il principio, come ha giustamente fatto notare l’associazione “Mani per l’Infanzia”, che tutti i bambini sono uguali e devono avere pari dignità e opportunità. Tu, Pantani e la sindaca di Lodi (leggi qui), dovete esservene dimenticati

 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!