Cure gratis per cani e gatti

Pubblicità

Di

Se aspettavamo la conferma del disprezzo che certa gente, nutre per il genere umano, ma soprattutto per un certo genere umano, lo abbiamo da una meravigliosa legge, che decade nella tristezza infinita se cominciamo a fare paragoni. Leggiamo da Repubblica:

“Cure urgenti, dotazione di microchip, sterilizzazione e qualsiasi altro intervento medico urgente sui compagni della vita: per chi non può permettereselo d’ora in poi a Conegliano saranno gratuite. Dai gatti ai criceti, dalle tartarughe ai cani. Il progetto, come riportato dal Corriere delle Alpi, sarà di durata triennale e comprenderà anche veri e propri interventi chirurgici. Il governatore Zaia ha annunciato che dopo il progetto pilota l’iniziativa si estenderà a tutto il Veneto. “Il Veneto è una regione pet friendly, garantire le cure veterinarie significa assicurare un’adeguata pet therapy per gli anziani”.”

Il Veneto razzista, quello del governatore Zaia e dei leghisti della prima ora, quelli che scendevano in campo con la bandiera di San Marco contro il governo di Roma, sono pet friendly. Amano gli animali, bellissima cosa. I cuccioli, i gattini, cazzo, anche le tartarughe.

Però spendere un euro per un essere umano, diverso da te per il colore della pelle e la religione, no. Anzi, si gioisce se affoga, se scompare, se si evapora. Si fanno i picchetti per scacciare donne incinte coi bambini. Si impalano le teste di maiale davanti ai centri asilanti (leggi qui).

Ma si è pet friendly, al punto da dispensare cure gratis a chi non puo permettersi di pagare.

Quella che era la dinamica dei social, che vedeva persone inveire contro gli immigrati e commuoversi per i propri pelosetti è sbarcata in quest’atto governativo, che sancisce il primato della bestia sull’uomo, e per quanto si amino gli animali, questo agire non può che creare un’immensa e abissale vergogna per la perdita di quell’umanità che ci siamo dimenticati.

 

 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!