Gaszebo – Gli eventi in Ticino dal 9 al 15 Novembre

Di

“Va’ cuore mio da fiore a fior con dolcezza e con amor. Vai tu per me. Va, che la mia felicità vive solo di realtà vicino a te. Voglio vivere così, col sole in fronte e felice canto beatamente! Voglio vivere e goder, l’aria del monte, perché questo incanto non costa niente.” Già. Ma al calar della sera? Niente paura, la festa continua in allegria. Serenamente. Beatamente. Soprattutto grazie alle tante, tantissime proposte che la Svizzera italiana ha in serbo per chi, come voi, ogni giorno volete cogliere il dolce nettare della vita fino all’ultima goccia. Ecco perché GASzebo vi propone una selezione di appuntamenti per trascorrere piacevolmente i prossimi sette giorni sette. E se casomai, sulla scia di una giornata di sole, vi venisse voglia di segnalarci un qualsiasi evento fatelo scrivendoci a gentecheaccende@gmail.com!

Venerdì 9 novembre 2018 “Still Leben al Teatro Foce”

In tedesco i termini Still (ancora) e Leben (vivere) significano, se uniti, “natura morta”. Separati, ammettono diversi significati. Ancora vita. Vivere silenzioso. Vivere tranquillo. Diverse possibilità di lettura che rivelano il labile confine e il precario equilibrio tra vita e morte. Gesti scaramantici a parte, questo lavoro della giovane artista ticinese Camilla Parini intende riflettere sulla figura della donna, ritraendola nell’intimità della relazione con se stessa. Il ritratto in continuo movimento di una donna sbiadita dal tempo, una figura senza più confini che va mutando e che si racconta attraverso l’ironia e la malinconia di una solitudine che, a volte o spesso, le tiene anche compagnia. Per la serie “Pochi sanno quante donne ci sono in me”. Uno spettacolo senza parole da rimanere senza parole. Alle 20.30.

www.foce.ch

Sabato 10 novembre 2018 “Natasha ha preso il bus al Teatro Sociale”

Ultima chiamata per salire sul bus teatrale che ci porterà alla scoperta di un mondo sommerso, quello delle badanti raccontate dalla giornalista e scrittrice Sara Rossi Guidicelli. Un libro, il suo, che ora è diventato una pièce il cui debutto è andato in scena a Bellinzona giovedì, con grande successo di pubblico. “Nessuno ci chiede mai chi siamo. Al massimo la gente si informa su come sta la signora o il signore insieme a noi, come se fossimo badanti e basta e non persone. Ma noi non siamo badanti e basta”. Ecco. Ora grazie alla regia di Laura Curino e all’interpretazione di Ioana Butu accompagnata dalla fisarmonica di Daniele Dell’Agnola, loro, questi angeli custodi che vivono ai margini sono finalmente protagonisti e, con loro, la loro umanità e le loro storie.

www.teatrosociale.ch

Domenica 11 novembre 2018 “ZaZlooZ a La Fabbrica”

ZaZlooZ è il segno tangibile che la cultura e la musica sono un collante formidabile e un antidoto all’odio che certa politica sta seminando in Europa. Frutto di un interscambio culturale, formatosi nel 2015 a Parigi, grazie all’unione di sei musicisti dalle diverse origini. Francia, Germania, Kurdistan, Marocco e Svizzera. Va da sé che la grande varietà etnica all’interno del gruppo rende il loro repertorio unico sia dal punto di vista melodico che ritmico. Composizioni originali e musiche popolari, provenienti da tutto il mondo si mescolano grazie alla grande varietà di strumenti, ritmi e melodie. Hanno tenuto concerti un po’ ovunque. Da Parigi a Istanbul. E solo per le vostre orecchie saranno con la loro musica scalda-cuori a Losone. A partire dalle 17.00.

www.organicoscenaartistica.ch

Lunedì 12 novembre 2018 “Scienza e fumetti in mostra”

Let’s science

La Fondazione IBSA per la ricerca scientifica è un’organizzazione non profit nata nel 2012 con l’obiettivo di esplorare i confini della scienza e promuovere la divulgazione scientifica di qualità. Soprattutto oggi in cui la scienza e le conquiste scientifiche vengono messe in dubbio e oggetto di fake news. Ecco perché la fondazione organizza con regolarità incontri, eventi e dibattiti rivolgendo a diversi segmenti di pubblico, dai bambini ai ragazzi fino agli adulti. Così trovano spazio, in questa attività di divulgazione, anche strumenti espressivi apparentemente distanti dalla scienza come può esserlo il fumetto. E invece no. A dimostrarlo la mostra “Let’s Science” allestita nella Limonaia di Villa Saroli e aperta al pubblico, gratuitamente, dalle 8.00 alle 18.00 fino al 17 novembre.

www.ibsafoundation.org

Martedì 13 novembre 2018 “Il Circo Knie è Formidable”

Circo Knie

“You are the one for me, for me, formi, formidable! You are my love, very, very, véri, véritable! Et je voudrais un jour enfin pouvoir te le dire,te l’écrire dans la langue de Shakespeare.” Così cantava il mitico Charles Aznavour scomparso poche settimane fa alla veneranda età di 94 anni. Ne festeggia invece 100 il circo svizzero per antonomasia. Quello della famiglia Knie. 100 anni di storia, rappresenta tuttora da una delle più antiche e importanti società circensi in Europa. E “Formidable” è il motto che caratterizza il tour di quest’anno durante il quale il Circo Knie impiega più di 200 persone e oltre 100 animali. Perciò tutti sotto al tendone, alle 19.30, in Via delle Scuole, a Locarno.

www.knie.ch

Mercoledì 14 novembre 2018 “4.48 Psychosis”

È tante cose lo spettacolo in scena al Teatro Sociale alle 20.45. È una “Sinfonia per voce sola”. È il nuovo, suggestivo lavoro di Enrico Frattaroli. È una messa in concerto dell’ultimo testo di Sarah Kane: la musica dei suoi versi in risonanza con musiche di Gustav Mahler e P. J. Harvey. In scena, protagonista è la poesia stessa, variegata nelle forme liriche, narrative, dialogiche, grafiche della sua scrittura, affidata alla voce e alla fisicità di Mariateresa Pascale. “Scriverlo mi ha uccisa” annotava Sarah Kane sul biglietto allegato alla copia di “4.48 Psychosis” lasciata a Mal Kenyon, la sua agente letteraria, il giorno del suo suicidio. Il suo ultimo dramma, perfezionato fino all’estremo istante della sua vita, è anche il suo testamento poetico. Per una serata da dammi una lametta…

www.teatrosociale.ch

Giovedì 15 novembre 2018 “Cirque inextremiste: extrémités a Verscio”

Dimitri acrobata

Il Teatro Dimitri di Verscio, alle 20.30 propone alcuni strabilianti numeri acrobatici proposti su assi di legno e bombole di gas. Perché ci vuole molto poco per stupire. Talvolta solo quel giusto tocco di fantasia. Su una struttura traballante ed effimera di tavole e bombole di gas a due metri d’altezza, un’azione scenica piuttosto ardita prende vita dai movimenti dei performer, pronti a gestire le conseguenze di un possibile passo falso con acrobatiche soluzioni. Un gioco d’equilibrio unico. Vedere per credere.

www.teatrodimitri.ch

 

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!