Super Puma per portare a cena le mogli

Pubblicità

Un recente scandalo coinvolge gli alti quadri dell’esercito: voli gratuiti, cene, sigari, corsi di golf. Un decadente dipinto di una realtà fatta soprattutto di privilegi.

Di

Certo che, viste le ultime rivelazioni sulle spese allegre di alcuni quadri militari, anche a noi verrebbe da dire che valeva la pena fare carriera militare.

L’accesso al rapporto interno sulle spese, cui il dipartimento militare si era a lungo opposto, hanno portato alla luce l’utilizzo privato degli elicotteri Super Puma, partite a golf, festini e cene. Il tutto pagato da noi poveri fessi.

La resistenza dei militari era stata talmente tenace, da obbigare Adrian Lobsiger, l’incaricato federale per la protezione dei dati, e che veglia sugli organismi federali, a imporre la sua autorità per desecretare i rapporti finanziari.

Pare che la simpatica tradizione fosse di invitare le mogli dopo seminari biennali. Le consorti, una ventina, erano prelevate in elicottero dai quattro angoli della Svizzera e portate alla cena, poi il pernottamento e alla mattina corsi di golf. Il tutto allegramente sul gobbo dei contribuenti. Un elicottero Super Puma da trasporto non è uno scooter, un’ora di volo costa all’erario 10’900 franchi.

Andreas Stettbacher, medico capo dell’esercito aveva anche parlato di un festino avvenuto in giugno in Appenzello con uno sfrenato abuso di alcolici, che avevano reso inetti al lavoro fino al giorno dopo i partecipanti. Anche questo, sigari compresi, a spese del contribuente.

Comunque nulla di penalmente rilevante, dice l’inchiesta, hanno solo dovuto cambiare un banale regolamento che non proibiva le gratuite scampagnate VIP. Che poi, un certo numero di ore di voli in elicottero comunque le devono fare: chissà se gentilmente possono portare mia suocera col Super Puma sui monti di Carasso, ci tiene tanto ma la strada non arriva fin lì e la teleferica è fuori uso da anni.

In tutto questo increscioso teatrino di benefici, Norman Gobbi, Tiziano Galeazzi e Lorenzo Quadri, che tanto avevano difeso l’esercito, fanno scena muta. I nostri amici che sbandieravano la fiducia per l’esercito si devono rassegnare al fatto che anche lì ci sono problemi e sprechi. Ammetterlo sarebbe un buon inizio per riformare tutta la baracca.

 

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!