10 milioni per errore

Di

Fare errori sul lavoro capita. Anche di fare qualche sciocchezza che fa perdere dei soldi all’azienda. Una dimenticanza, un errore, ed è facile pagare. Ne sa bene qualcosa la frontaliera recentemente licenziata per aver insultato su Instagram la polizia svizzera.

Ma la cosa diventa agghiacciante se voi siete solo un misero stagista, e fate perdere dieci milioni di dollari alla vostra azienda. Non sappiamo che fine abbia fatto il poveretto, ma dubitiamo che gli sia stata data una seconda possibilità.

L’azienda è Google, e lo stagista, che stava partecipando a un corso per aiutare i clienti a gestire la pubblicità onlline, ha per errore inviato un ordine, (l’errore è durato 45 minuti) per delle pubblicità fittizie in migliaia di siti americani e australiani. L’importo totale degli ordini ammontava a10 milioni di dollari, che Google pagherà.

Vero che per Google 10 milioni sono come i soldi dell’espresso per noi, però siamo certi che il povero stagista non avrà passato una bella giornata.

Leggiamo dal sito RSI:

“per 45 minuti, ha diffuso la sua finta pubblicità (un rettangolo giallo al posto dei classici banner), offrendo a chi la ospitava – sempre per errore – un lauto guadagno: 25 dollari ogni mille visualizzazioni, contro un prezzo di mercato di 2 dollari“

Insomma, altro che figuraccia sui social, uno così rischia veramente di farsi terra bruciata intorno, e dopo un errore così, chi si fiderebbe anche solo chiedergli di pagare con PayPal le risme di carta dell’ufficio?

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!