Gaszebo – Gli eventi in Ticino dal 14 al 20 Dicembre

Di

“E un po’ più in su dovea volare l’uselin della comare. E un po’ più in su dovea volare l’uselin della comare. L’uselin della comare è volato sulla mona e che sia la volta bona? E proprio lì volea volare l’uselin della comare”, così cantava Nanni Svampa prima e Cochi e Renato poi, cercando di fare della sana ironia riguardo al volo di certi rapaci che nei mesi invernali lasciano il passo e i cieli giusto a qualche cicogna e Babbo Natale e alle sue renne. Già, ma quali sono gli eventi targati GASzebo di questa settimana prenatalizia? La nostra agenda settimanale vi propone come sempre una selezione di appuntamenti pensati per tenere a bada lo stress da acquisti compulsivi e trascorrere serenamente i prossimi sette giorni sette. E se, casomai, vi venisse voglia di scriverci per farci gli auguri o altro fatelo a gentecheaccende@gmail.com!

Venerdì 14 dicembre 2018 “Volabass. E quattro! Atterra a Grono”

Nelle librerie è uscito il quartogenito di Volabass, saga letteraria legata ai modi di dire e alle loro divertenti traduzioni in più lingue tra cui, new entry, quest’anno si è aggiunto anche il romancio. Il nuovo agile volumetto sarà presentato alle 18.30 all’aula Magna delle scuole elementari di Grono. Con l’autore, il vignettista cantonticinese doc Christian Demarta, autore di culto della saga del Gonzo e lo Stono, ci saranno anche Isabella Visetti e Nicola Ferretti della trasmissione radiofonica RSI “Dialett in sacocia”.

www.volabass.com

Sabato 15 dicembre 2018 “Touche Manouche Swing Band a Biasca”

Lorenzo Monteggia alla chitarra solista, Alex Merigo alla chitarra ritmica e Riccardo Vigoré al contrabbasso. Sono loro i protagonisti di quest’anno alla Bibliomedia di Biasca dove, come d’abitudine da qualche anno a questa parte, viene proposto un concerto di “fine anno” con anche una panettonata per augurare buone feste a tutti, belli e brutti. Il gruppo “Touche Manouche Swing Band” vanta un repertorio musicale che spazia da Django Reinhart, con le splendide Nuages, Douce Ambiance, Djangology e Minor Swing, agli standard del jazz della prima metà del ‘900 rivisitati in chiave swing.

www.bibliomedia.ch

Domenica 16 dicembre 2018 “Capezzuoli & Co per un Ballo di Natale”

La stagione 2018 dei LocarnoFolk Events termina con un vero e proprio ballo di Natale. Ospiti Andrea Capezzuoli e la sua band, che ci accompagneranno lungo un viaggio musicale che ci porterà dal Nord Italia al Québec. Un gruppo che da dieci anni a questa parte, è diventato un riferimento per la scena folk italiana. Le sue storie, leggende, canzoni, ballate e danze del Nord Italia vengono “condite” con suoni, melodie e ritmi provenienti da diverse regioni d’Europa e del Nord America. Una musica, fatta di contaminazione tra tradizione e innovazione, trascina il pubblico in un viaggio sonoro e ludico tipico della festa. Prima del concerto, il gruppo, a chi lo vorrà insegnerà alcune danze del Nord Italia. Dai che si balla!

www.locarnofolk.ch

Lunedì 17 dicembre 2018 “Il Lago dei Cigni al Palazzo dei Congressi”

Si esibisce a Lugano, in quello che è il balletto classico tra i più celebri e acclamati del Novecento, il corpo di ballo del Teatro Accademico municipale dell’Opera e del Balletto di Kiev, una delle compagnie più rinomate dell’Ucraina. Un balletto in 4 atti, composto da Tchaikovsky fra il 1875 e il 1876, racconta di un lago sulle cui acque di nuotano i cigni, in realtà bellissime fanciulle stregate dal malvagio mago Rothbart, che possono assumere forma umana solo la notte. Siegfried e i suoi amici li contemplano sotto la luce della luna. Una magia, un incantesimo che si ripete, in punta di piedi, alle 20.00 al Palazzo dei Congressi.

www.luganoconventions.com

Martedì 18 dicembre 2018 “Harlem Gospel Choir a Locarno

Alle 20.30 il Palacinema risuonerà di canti gospel. Ospite d’eccezione The Harlem Gospel Choir, il coro evangelico più longevo e famoso d’America. Fondato da Allen Bailey nel 1986, è composto dai migliori cantanti e musicisti nella zona di Harlem e New York. Un coro che si è esibito per il Presidente Obama, Nelson Mandela ed Elton John. Le voci che lo compongono riflettono la rinascita della cultura di Harlem ed ogni loro esibizione è un vero e proprio show che fonde canto e danza in pieno stile Gospel, ricca di melodia ed energia che da anni diffonde un messaggio di amore, pace e armonia. Oh yeah!

www.horangmusic.com

Mercoledì 19 dicembre 2018 “La conta di Natale con Minimusica”

Che sia semplice, di cartoncino con nascosti piccoli disegni, o più ricco, fatto di sacchetti con giochi e dolciumi, il Calendario dell’Avvento è una piccola gioia che accompagna i bambini per tutto dicembre fino al giorno di Natale.

La Conta di Natale porta in scena un Calendario dell’Avvento con caselle grandi e piccole che nascondono storie, brevi racconti, pupazzi, giochi e, se sei particolarmente fortunato, anche qualche cioccolatino. I numeri dall’uno al ventiquattro si apriranno uno dopo l’altro con una filastrocca detta tutti insieme, a volte sussurrando come un vento leggero, a volte urlando come un orco affamato, altre ancora parlando senza usare la voce.

Con la compagnia Claudio Milani di Como, al Teatro Oratorio Parrocchiale di Bellinzona, alle 14.00 e alle 16.00.

www.minimusica.ch

Giovedì 20 dicembre 2018 “Gaia Gaudi a Bellinzona”

Per fortuna moriamo. Altrimenti sulla terra regnerebbe una calca tremenda. Hanna – l’alter ego clownesco di Gardi Hutter – ha esperienza nel morire. In quasi tutti i suoi spettacoli muore nel finale, ma non rinuncia mai agli applausi e perciò si rialza subito. Nello spettacolo “Gaia Gaudi” Hanna è morta sin dall’inizio. Il pubblico lo sa, Hanna invece no, ma non si lascia di certo abbattere da un dettaglio così banale. Si dice che l’anima di un morto rimanga nello spazio ancora per qualche tempo e quella di Hanna si agita così intensamente, che il corpo afferra questa “cosa svolazzante” e la trascina nell’aldilà. Con leggerezza e acume lo spettacolo “Gaia Gaudi” racconta di radici e di ali. Protagonista la cantante, danzatrice e percussionista, ma soprattutto la nostra clownessa doc, Gardi Hutter. Al Teatro Sociale alle 20.45.

www.gardihutter.com

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!