Omofobi presi a pugni da una drag queen

Di

Una drag queen non passa inosservata e due men che meno. D’altronde se si fa di un personaggio un’icona, una rappresentazione estetica e rutilante, lo fai proprio per essere guardata.

Il mondo delle drag queen è un mondo fatato, pieno di paillettes e piume, di tessuti traslucidi e muscoli in evidenza, di trucchi fastosi ed esagerati e di decorazioni delicate come riccioli di panna.

Electra Bionic, all’anagrafe Mattia Di Rienzo è un gran bel pezzo di drag queen. In un mondo dove anche le caratteristiche maschili spesso appaiono e affiorano con orgoglio, Mattia ha un viso d’angelo e una bellezza sfolgorante.

Nei giorni scorsi viaggiava a Torino in macchina in tarda serata con una collega e, come dicevamo, due drag queen anche in macchina è difficile non notarle, al punto che due turisti francesi, in vena di bravate si sono messi a infastidirle. Racconta Mattia:

“(…) Erano le prime ore di venerdì quando abbiamo deciso da via delle Rosine di andare a mangiare un panino prima di andare a casa.  C’erano due pedoni che stavano attraversando e li abbiamo fatti passare. Loro hanno dato uno sguardo alla macchina e si sono messi a ridere urlando qualcosa che non abbiamo capito perché parlavano francese. Ma noi non ci abbiamo fatto caso…”

I duo babbuini omofobi si sono però presto accorti che se uno è seduto in macchina sembra più basso, Mattia e la sua amica sono alti quasi due metri. Brutto momento per i bulli in trasferta. Mattia prosegue:

“A quel punto sono sceso e gli ho chiesto cosa volessero e uno mi ha colpito con un pugno al petto, a cui ho risposto ed è nata una breve scazzottata, prima che quei due scappassero. (…). Le aggressioni non fanno parte della convivenza civile e democratica di una società civile. Non deve passare il messaggio che gli omosessuali siano persone fragili che non si sanno difendere, altrimenti alcuni potrebbero sentirsi legittimati a prendere di mira altri ragazzi o delle lesbiche o dei trans o altri ragazzi che comunque diano l’aria di essere indifesi“.

Dai, siamo onesti, avremmo tutti voluto essere lì per vedere quei due idioti darsela a gambe dopo averle prese da due marcantoni in pailettes. Una soddisfazione come poche. Perciò un grazie a Electra anche da parte nostra, per averci regalato una bella soddisfazione natalizia!

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!