Salvini e la Nutella amara

Di

Diciamolo chiaramente: se Matteo Salvini, la mattina seguente al terremoto nel Catanese e all’omicidio di ‘ndrangheta di Pesaro, appare tutto sorridente mangiando pane e nutella, la colpa non è sua. E non perchè il Felpato Leader sia incapace di intendere e di volere (anzi..) o vittima di qualche complotto: ma perchè, semplicemente, e come anche i muri ormai sanno, la sua comunicazione social non è gestita da lui stesso ma affidata a uno staff. Quello staff di cui fa parte il famoso ( o famigerato) Luca Morisi, il social media manager di fiducia di Salvini, e in cui da agosto ha trovato posto anche Leonardo Foa, il figlio di Marcello Foa, presidente RAI dalle chiare posizioni sovraniste, amicone dell’ex-stratega di Donald Trump, Steve Bannon, e acclarato diffusore di fake news, che ben conosciamo (leggi qui)

Ora: il post incriminato, con ogni probabilità, era stato scritto prima e programmato per uscire la mattina del 26, il che è ciò che fa ogni social media manager che si rispetti. Il caso ha voluto che fra la creazione e la pubblicazione c’è stato di mezzo un terremoto e un morto ammazzato sotto il naso del suo Ministero che doveva proteggerlo, e che lo staff di Salvini era, forse, ancora fra le braccia di Morfeo, o troppo distratto per andare a leggere un qualsiasi sito di notizie italiane, rendersi conto dell’accaduto e bloccare quel post prima che fosse pubblicato.

Ed è QUESTO il problema. Perchè finchè sei ancora “solo” un leader di partito puoi ragionare in termini di marketing, puoi anche concederti certi scivoloni. Ma dal momento in cui Matteo Salvini è un ministro e vicepresidente del Consiglio della Repubblica Italiana, la sua è automaticamente una comunicazione ISTITUZIONALE: non sta parlando ai suoi “amici” o ai suoi fan come leader del partito, parla come uomo dello Stato. E non è in alcun modo ammissibile, dunque, che il suo staff gestisca i suoi social come quelli di un’azienda: non esiste in nessun modo che lo staff del vicepresidente del Consiglio non legga i giornali al mattino e non adegui la comunicazione istituzionale alle circostante. Perchè se non capisci che lavoro stai facendo, o se, come si suol dire, non è cosa tua, queste sono figuracce all’ordine del giorno. E non è neanche la prima volta che succede, peraltro.
Se non ti rendi conto che qualunque rutto esce sui tuoi canali di comunicazione è una comunicazione di un organo istituzionale, e lasci che chi se ne occupa commetta questi strafalcioni, forse non sei esattamente al posto giusto.
E a questo punto, sinceramente, viene spontaneo suggerire a Matteo Salvini di valutare se uno staff che al mattino dorme anzichè aggiornarsi su quello che succede nel suo stesso Paese e regolarsi di conseguenza sia uno staff degno di esprimere la comunicazione di un’alta carica dello Stato. Perchè la Rete non dimentica. E non perdona.

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!