Po rom pom Peru…

Pubblicità

Di

E anche il Peru se ne va. Un altro tassello delle nostre vite sfilacciate si allontana nel vento, il paladino donchisciottesco che ha lottato, come mai altri, contro la cannabis e le sostanze psicotrope che la magica pianta si porta in grembo, appende scudo e lancia al chiodo.

Molti si ricordano quell’euforia, anche bella suvvia, dell’era dei canapai con l’erba legale. Bastava che non dicevi di fumarla ed era ok. Una lacuna legale che aveva fatto fiorire commerci, posti di lavoro, creato indotto e gioia diffusa tra tutti coloro che non disdegnavano un cannone ogni tanto, o ogni spesso. Mai visto in così poco tempo crescere e fiorire delle attività.

Ma era troppo bello per essere vero. Il Peru era lì dietro l’angolo e non poteva tollerare che una sostanza psicotropa antagonista del Merlot facesse capolino prepotente sulla piazza ticinese. Che poi era davvero un periodo bello, andavi ovunque e c’era gente con piante di cannabis in giardino o che aveva ritrovato il piacere di farsi un tiro ogni tanto.

Alla fina, riscritta la legge, tutta la magia della maria finì in uno sbuffo di fumo. Perciò no, a me non dispiace che il Peru se ne vada, anche perché era un po’ tanto bacchettone. L’ultimo suo guizzo, nell’intervista televisiva al Quotidiano, lo ha ancora dedicato alla cannabis. “La cannabis light è l’anticamera di quell’altra” o qualcosa del genere.

Come una volta quando ti dicevano che la marijuana era l’anticamera dell’eroina.

Oggi, per assurdo, in alcuni Stati è ormai legale e tanti altri stanno valutando se non legalizzare la cannabis. Un processo logico, se si riesce a slegarlo dai dogmi religiosi e dalle paure irrazionali. Perciò vediamo la partenza del Peru, come l’inizio di una nuova era, un’era dove magari, a breve, anche in Svizzera la cannabis sarà legale. Un’era di bontà e amicizia, di flower power e di riflessioni filosofiche della notte. Dove gli unicorni voleranno sbuffando arcobaleni dal sedere tra nebbie rosate e tutto andrà meglio.

Che se i sogni non bastano, che male c’è a chiedere una mano alla maria?

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!