Battisti, la Storia presenta il conto.

Di

Nel mondo, e in Italia, spira un deciso vento di destra, e si sa. La cattura di Cesare Battisti viene salutata con accenti politici ribaldi da chi vola su quel vento, e si capisce. Capisco anche la frustrazione di chi ha il cuore a sinistra: ma la notizia del ritorno in Italia di un terrorista, per scontare la sua pena, è buona per tutti, per il paese, per la giustizia, per lo Stato di diritto. E non è un’impostura dire che la banda di Battisti rapinava e uccideva in nome della rivoluzione comunista. O ricordare che due uomini di Stato hanno impedito, con pretesti “umanitari” inaccettabili, l’estradizione di Battisti in Italia nei decenni passati. Si chiamavano Mitterrand e Lula, figure chiave della sinistra mondiale. Alla fine la storia presenta sempre il conto, anche rispetto agli anni di piombo. Non solo per la sinistra, certo. Ma qui oggi di questo si parla, senza tacere o nascondere quell’abisso

Enrico Mentana

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!