Gaszebo – Gli eventi in Ticino dal 18 al 24 Gennaio

Di

“Dammi una lametta che mi taglio le vene. Diventa bieca questa notte da falene. Promette bene, sì, promette tanto bene. Ma dammi una lametta che mi taglio le vene. Dammi una lametta che ti taglio le vene. Ti faccio meno male del trapianto del rene. Ti voglio bene, sì, ti voglio tanto bene. Ma dammi una lametta che mi schioppo le vene!” Ecco. Forse evitiamo di prenderla troppo alla lettera, la canzone di Donatella Rettore. Certo è che se il vostro umore assomiglia tanto al suo e non sapete più cosa fare allora, magar, dare un’occhiata a GASzebo potrà farsi desistere dall’idea di tagliarvi le vene ai polsi. Ora vi diciamo noi cosa fare e dove per rallegrare le vostre serate e il vostro animo. Eccovi la nostra consueta selezione di appuntamenti per i prossimi sette giorni sette, sette pilloline pensate apposta per chi si sente un po’ giù, alla Rettore. E se, casomai, vi venisse voglia di scriverci fatelo a gentecheaccende@gmail.com!

Venerdì 18 gennaio 2019 “Prima tappa del Microfono d’oro 2019”

La rassegna Open Mic si apre allo studio Foce di Lugano con la prima serata del concorso il cui vincitore sarà decretato dal pubblico presente. Open Mic proprio come la mitica Corrida di Corrado dà a tutti – nessuno escluso – la possibilità di esprimere la propria arte canora, strumentale, performativa, cabarettistica, verbale, corporale e… chi più ne ha, più ne metta. Per la serie: datemi un microfono e vi creerò un talent.

www.facebook.com/OpenMicTicino

Sabato 19 gennaio 2019 “Paradossi e parastinchi a Chiasso”

Crisi, separazione, guerra, morte e altre storie a lieto fine. In “Paradossi e parastinchi” Corrado e Maria inneggiano all’apoteosi della banalità e si scusano fin da subito con gli spettatori se lo spettacolo, tra conflitti di coppia, tradimenti, amori impossibili, insoddisfazioni personali, sedute psicologiche, mutui inaccessibili, recessione, cultura allo sbando e fede che vacilla, dovesse suscitare oltre che tante piacevoli risate anche qualche intelligente riflessione. Queste ultime sono nelle avvertenze alla voce controindicazioni. La scienza studia i pazzi, lo spettacolo di e con Corrado Nuzzo e Maria Di Biase indaga i disastri che fanno le persone normali. Al Cinema Teatro di Chiasso alle 20.30.

www.centroculturalechiasso.ch

Domenica 20 gennaio 2019 “La Monnalisa al Vela”

Si può fare uno spettacolo teatrale su qualcosa considerato da tutti come privo di qualsiasi interesse tipo le liste della spesa? “La Monnalista” è una performance che prova a farlo con ironia. Ogni lista della spesa presentata – “pezzo” autentico ritrovato nei paraggi di un supermercato – sarà “recensita” e “recitata” da un critico d’arte colto e appassionato, con la stessa cura con la quale si affronta l’opera del più rinomato artista del panorama contemporaneo e non (Vincenzo Vela incluso). Dopo i “barattoli” di Manzoni e il water di Cattelan, la provocazione artistica raggiunge un nuovo livello, quello dell’opera d’arte inconsapevole, prodotta dalla gente comune. Alle 11.00 al Museo Vincenzo Vela di Ligornetto.

www.museo-vela.ch

Lunedì 21 gennaio 2019 “Judith Hill al Jazz Cat Club”

È un concerto davvero da non perdere quello in programma alle 20.30 al Teatro del Gatto di Ascona. Di scena Judith Hill, cantante di cui Prince, il folletto di Minneapolis ha prodotto il suo primo album. Da corista a stella della soul music la sua è la storia di una bella affermazione artistica, quella di una cantante estremamente dotata vocalmente e ricca di talento compositivo dato che scrive lei stessa le proprie canzoni. Ad Ascona Judith arriverà con la sua band al termine di un tour europeo di una decina di tappe per presentare il suo nuovissimo album a cavallo tra soul e funky intitolato “Golden Child”.

www.jazzcatclub.ch

Martedì 22 gennaio 2019 “Delitto e Castigo al Sociale”

Vertigine e disagio accompagnano il lettore di “Delitto e Castigo” di Dostojeski. Ed è proprio questa doppia natura di “Delitto e Castigo” a suggerire la possibilità di portarlo in scena attraverso una lettura a due voci. Sergio Rubini e Luigi Lo Cascio sono le due voci di quest’operazione. Saranno loro a trascinare tutto il pubblico nel cuore del racconto, facendo vivere in prima persona l’ossessione del protagonista. Al Teatro Sociale di Bellinzona alle 20.45. Si replica anche domani.

www.teatrosociale.ch

Mercoledì 23 gennaio 2019 “Vincent Van Gogh – L’odore assordante del bianco al LAC”

Le austere e slavate pareti di una stanza del manicomio di Saint Paul. Come può vivere un grande pittore in un luogo dove non c’è altro colore che il bianco? È il 1889 e l’unico desiderio di Vincent è uscire da quelle mura, la sua prima speranza è riposta nell’inaspettata visita del fratello Theo. Attraverso l’imprevedibile metafora del temporaneo isolamento di Vincent Van Gogh in manicomio, lo spettacolo mette in scena una sorta di thriller psicologico attorno al tema della creatività artistica. Con Alessandro Preziosi nei panni del pittore, alle 20.30 alla Sala Teatro del LAC.

www.luganoinscena.ch

Giovedì 24 gennaio 2019 “Fare politica senza i partiti? Una sfida per la democrazia all’USI”

Alle 19.00 l’auditorio dell’USI di Lugano ospita un dibattito con Salvatore Veca, filoso ed accademico italiano che ha impegnato una parte considerevole della sua ricerca sui temi della democrazia nell’ambito della filosofia politica, morale e sociale e il politologo ticinese Oscar Mazzoleni. In una società sempre più fluida il ruolo classico dei partiti – quello di rappresentare e collegare cittadini e istituzioni – sembra essere andato in tilt. Quali sono i pericoli di tutto ciò? Possiamo pensare di mantenere la democrazia, così come la conosciamo, senza i partiti?

www.usi.ch

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!