Non si beve dal boccalino!

Di

Dai, ammettiamolo. Noi ormai il turismo ce l’abbiamo nel sangue. Anche per vocazione, secoli di baliaggi ci hanno abituati a fare di si con la testa appena uno svizzerotedesco alza la voce. Col tempo abbiamo fatto di necessità virtù, e se prima i servi per i confederati li facevamo gratis, oggi ci facciamo pagare.

Dal dopoguerra abbiamo scoperto che quei campi grami che ci davano appena da mangiare e quei laghi zeppi di zanzare della malaria, ai colleghi di oltralpe piacevano. E addirittura erano disposti a scucire bei dobloni per gioire delle bellezze dei prodotti ticinesi.

Bon, col tempo, a onore del vero, ci siamo un po’ sputtanati. Decenni di finta musica popolare creata ad uso e consumo dei crucchi hanno sfilacciato la nostra cultura, al punto che oggi molti ticinesi di nuova generazione sono convinti che bere in un boccalino col vino che ti piscia tutto addosso dal beccuccio sia una cosa giusta. E si domandano perché i loro nonni (che in realtà bevevano intelligentemente dai tazzini) facevano una cosa così idiota.

Ecco, ora saltano fuori progetti che farebbero impallidire il faraone Kefren, rampe lacustri, spiagge da tonnellate di sabbia, statue di cristallo di Lorenzo Quadri alte 200 metri. Il turismo in Ticino è di nuovo a una svolta, speriamo che non sia devastante come quella che negli anni 50 ci ha imposto di sbrodolarci di vino e sfrantecarci i timpani con le belle verzaschine.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!