Tourism politically correct? Ja danke, oui merci …

Di

Il vuoto creato alla testa dell’Ufficio Turistico ha prodotto uno slancio inatteso, senza direttore in poche settimane di anarchia sono nati progetti ed idee avveniristici e sorprendenti, un caso?

Non esattamente, si sa che molte teste ragionano meglio di una, quindi mancando il cervello dirigenziale si sono accese le menti più performanti del Cantone e tutto sommato il risultato è incoraggiante. Essendo cominciata la campagna elettorale per la successione dei ministri cantonali, per par condicio, abbiamo cancellato i promotori dei progetti ma non i costi delle operazioni.

La polemica sullo sviluppo edilizio di Brè sopra Locarno legato alla ridotta strada d’accesso sarà risolto dal gruppo XX XXXXXXXXXX nnnnn nn con la realizzazione di una scala automatica in plexiglass e acciaio larga otto metri che da Muralto salirà affiancando la teleferica fino ad Orselina e proseguirà fino alla nuova SPA. Coperta, riscaldata, rapida, ripida e finanziata al 12% dal Cantone. Per la modica cifra di circa 14 milioni di Fr. che, come leggiamo nel capitolato, è quasi irrisoria rispetto alle potenzialità offerte per la popolazione residente.

Per ringiovanire il turismo della grande Lugano ha già fatto discutere il progetto della super spiaggia in centro città proposto da AAAAA A AA. Progetto volto sì, per un rilancio turistico, ma soprattutto per ovviare alla sterilità dei municipali leghisti. La proposta da 19 milioni comprende una spiaggia sintetica per il recupero delle microplastiche, la realizzazione di 3 centri lacustri con lidi e risto-bar e l’importante, imprescindibile sezione naturisti con discoteca all’aperto. Quest’ultimo tassello, come detto, è insostituibile vista la mancanza di generazioni future della municipalità leghista: Borradori, Quadri e Foletti hanno un gran bisogno di stimoli, quindi ben venga la spiaggia perché oggi un figlio è tutto.

Per sgravare Chiasso e il Mendrisiotto dal traffico veicolare l’immobiliare NNNNnnnnn ha proposto un intervento aereo fotovoltaico ad emissioni zero: cabinovia da Chiasso ad Airolo con corrispondenze per Locarno, Centovalli e Grigioni Italiano. 110.000 pannelli solari, 45.000 piloni di acciaio, 67.000 cabine per un potenziale trasporto di 157.000 passeggeri/h, le cabine pressurizzate di ritorno dall’Alto Ticino rilasceranno aria pulita nella parte sud del Cantone. Costo non precisato, ma secondo i promotori sovvenzionato dalla Confederazione per il 51% e 49% dal Messico.

Per il rilancio della Valle del Sole la cordata VVVnnnVVVVV ha presentato una domanda di smaltimento per l’enorme freno economico e sociale che opprime l’economia locale, ma non ha specificato quale. Sorprende la misura di accompagnamento a questo progetto: l’assunzione di un avvocato dalla testa di legno con indubbie doti di ripopolamento, indicando Tuto Rossi come prima testa di Blenio di questo importantissimo tassello turistico. Costo dell’opera 21 milioni di Fr. tutti garantiti dalla Banca dello Stato del Cantone Ticino.

Il progetto di Chiasso e Mendrisio coinvolge la Val Leventina solo marginalmente, e più per rubarle l’aria buona che altro. Ma la Leventina verrà salvata dallo sport e dall’indotto miliardario generato dal grande business dell’hockey su ghiaccio, il progetto della nota società SSSSSSSXXXCSSS e disegnato dal grande architetto XXXXXXXX VVVVVV comprende oltre allo stadio del ghiaccio, centri commerciali, sala multi cinema, una SPA di alto livello, un nido d’infanzia, un casinò tipo “C”, una casa di riposo e una scuola di ceramica. Per un costo di 51,15 milioni di Fr. dei quali 13 arriveranno da contributi pubblici e 14,35 dalla società mentre i restanti 23,8 milioni dovrebbero arrivare dal cielo con le piogge acide di settembre o dal nuovo canone Radio-TV o dalla vendita di centrini e tovagliette bianche e blu.

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!