Quelle rughe che hanno perso la dignità

Di

L’ empatia è una scocciatura vera. 
È una di quelle caratteristiche innate che se ce l’hai bene, sennò meglio, ed è definita qualità dai più, da chi non ne è portatore secondo me. 
Se sei empatico ti “empi” delle emozioni altrui, belle o brutte che siano. 
Ieri pomeriggio mi è successa una cosa: ero in un bar del centro con la mia amica Saadia a bere un caffè con tortina al limone quando a un certo momento al tavolino vicino si è seduto un uomo di mezza età, se fosse stato il personaggio di un romanzo sarebbe stato il mediocre Charles Bovary. 
Poco dopo è entrata una signorona, anch’essa di mezza età, vestita di nero con un golf rosa chiaro, di quel colore che vorrebbe dare luce a un volto che di suo non risplende più da tanto, un volto di rughe profonde che sottolineano una profonda solitudine. 
La signorona ha guardato in direzione di Monsieur Bovary e si è seduta al suo tavolo, accanto al nostro.

“Ciao, io sono tizia, ciao, io sono Charles… come stai?…” 
A quel punto l’ho sentito dritto allo stomaco un senso di disagio e imbarazzo che raramente mi è capitato di sentire prima. Erano 2 sconosciuti che si incontravano in un appuntamento al buio, quelli che organizzi su certe app del telefono. 
Loro non si guardavano negli occhi, chiusi in un silenzio denso di : “oddio ma è così? Madonna la pensavo diversa… ma che è questo? E ora che facciamo? Di che parliamo?”

Io intanto stavo sempre peggio vittima dell’emozione imbarazzata e sotterrante della mia vicina di tavolo. Lo giuro, sentivo il disagio neanche fossi stata io al suo posto. Così non ce la facevo, non sopportavo oltre. 
Ma quando Charles si è messo deliberatamente a fissarmi con sguardo bavoso è stato troppo.
Al disagio di lei si è sovrapposto il mio senso di schifo e disprezzo verso l’untuosità del tipo pappagorgioso e sfatto seduto al tavolo vicino.

Mi sono alzata e ho chiesto il conto infinitamente triste per quelle rughe che in 10 minuti sedute in un bar avevano perso tutta la loro dignità.

*ausiliaria di cura

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!