Regione e Corriere, ed è sorpasso epocale!

Pubblicità

La Regione Ticino supera per numero di lettori il Corriere del Ticino sul web. Un fatto importante ed epocale, dopo decenni di rivalità, sia politiche che editoriali fra i due maggiori quotidiani ticines

Di

L’avevamo già detto noi e l’aveva già detto La Regione Ticino, se nel cartaceo c’è una netta flessione di tutte le testate, dovuta a una congiuntura legata alla maggiore fruizione digitale, nell’online, il Corriere del Ticino sta perdendo.

E sta perdendo molto. Anzi, potremmo dire che perlomeno nell’ambito digitale siamo a una svolta epocale, dove vediamo La Regione Ticino superare il Corriere di 3000 unità, con una perdita di 6000 lettori per il Corriere e di 6000 guadagnati da La Regione, insomma, 12’000 utenti che ballano tra i due giornali e che decretano la temporanea vittoria e lo storico sorpasso de La Regione.

I dati rilevati e certificati da NetMetrix, quanto meno quelli relativi agli utenti unici, sembrano quindi smentire il direttore del portale cdt.ch, Paride Pelli, il quale qualche giorno fa, interpellato da “La Regione”, parlava di «un trend al ribasso che si è verificato un po’ su tutti i siti di news». Non su tutti, evidentemente, e casualmente non sul diretto competitor…

Lo stesso Pelli dichiarava di non essere preoccupato: “siamo contenti di un sito che magari fa meno click di prima, ma che ha una alta qualità e dove chi ci entra ci rimane molti più minuti perché i contenuti sono nettamente migliorati”. Sarà vero? Solo in parte. Se è vero il Corriere riceve un maggior numero di visite (ovvero di accessi totali, anche ripetuti da parte di un singolo utente), è anche vero che da dicembre 2018 a Gennaio 2019 l’aumento è stato di 49386 visite in più, contro le 95774 de La Regione: quasi il doppio. Il Corriere ha la meglio solo sulle impressioni, ovvero sul totale delle pagine visitate durante le visite del totale degli utenti: +505695 contro +287951. In sostanza, meno utenti, che tornano meno spesso, ma ci restano un po’ di più, in media circa 20 secondi (3 minuti e 51 secondi vs. 3 minuti e 32 secondi)

La débâcle del Corriere non è solo una questione di strategia e di marketing, che vede probabilmente investite meno risorse del necessario in un settore in grande sviluppo, ma anche una questione politica ed editoriale. I due campi occupati dai maggiori quotidiani ticinesi sono chiari. Più conservatore e orientato a destra il Corriere, più progressista e orientata al centrosinistra La Regione. Il quotidiano bellinzonese incassa il seguito del popolo del web, perché sicuramente più fresca e più onesta nei suoi articoli e approfondimenti e perché anche più presente sui social network.

Un successo, come racconta lo stesso quotidiano di via Ghiringhelli in un suo recente articolo, arrivato anche grazie a una maggiore condivisione tra i giornalisti stessi di notizie e pettegolezzi, insomma, una fucina di pensiero che riproduce fisicamente in fin dei conti i cinguettii della Rete.

Stiamo ora a guardare se quello che è capitato è un trend che si protrarrà nel tempo o soltanto un guizzo temporaneo. Di certo è che qualcosa in Ticino si sta muovendo a livello editoriale, e questo può cambiare non poco il panorama politico del Cantone.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!