Tutti i morti sono uguali

Pubblicità

Di

No, cavoli, sono soddisfazioni. Pensate un po’, con tutta la crisi che c’è, noi riusciamo anche ad aumentare l’export. L’industria svizzera è una di quelle di cui andare fieri perché è un’industria di punta con un alto valore aggiunto, che ha aumentato i suoi introiti del 14%.

Quale industria? Ah, quella delle armi, sorry. È bello vedere che quando si fanno le cose bene, poi i risultati ci sono. Poi certo, se guardiamo quelle quisquilie dei diritti umani o della neutralità, siamo onesti, non si va da nessuna parte. Cioè, mica li violiamo noi i diritti umani, no? Se vendo a uno una pistola e la usa male, è poi colpa sua. Come per una moto, se vai a duecento all’ora e investi qualcuno mica è colpa della Kawasaky, no? Nessuno penserebbe di prendersela con la casa giapponese tanto amata dai centauri.

Peccato che quei seccatori buonisti sinistrati si ostinano a pensare che questo non è un business decente. Datemi retta, se ne escono soldi, ogni business è buono. Ma loro no, ostinati come zecche, hanno raccolto 100’000 firme solo a inizio febbraio, e per cosa? Per mettere i bastoni tra le ruote alla nostra sana economia “Contro l’esportazione di armi in Paesi teatro di guerre civili” hanno chiamato la loro iniziativa.

Che poi come fai a saperlo se un Paese è in guerra civile? Oggi vanno tutti d’accordo e domani tac! Guerra civile. Dicono che il Consiglio federale ha troppa competenza in materia, che ha allentato le regole…e se le fa strette le regole non vanno bene, e se le fa larghe nemmeno…insomma, decidetevi.

Intanto, grazie alla nostra sana industria sono entrati dei bei milioncini, decine di milioncini. Nelle nostre belle saccocce, e tutti lo sanno, quando hai qualche franchetto in più in tasca dormi sonni più tranquilli.

E i morti?

Beh, quelli sono lontani, noi siamo neutrali, per noi tutti i morti sono uguali.

Pubblicità

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

NO,GRAZIE!