Uccidere gli invasori stranieri, in diretta Facebook

Di

49 morti e 48 feriti. È questo, per ora, il tragico bilancio della strage avvenuta in diretta Facebook – altro elemento assolutamente agghiacciante – in due moschee di Christchurch in Nuova Zelanda. Una carneficina d’innocenti opera di un commando di estrema destra a capo del quale c’era Brenton Tarrant, un ventottenne australiano che nel live della strage si definisce come “un normale uomo bianco” e che aggiunge pure “mi sono ispirato alla strage compiuta a Utoya, in Norvegia, da Anders Breivik nel 2011. Voglio uccidere gli stranieri invasori”.

Parole che non lasciano alcun dubbio riguardo alla matrice di questo massacro ripreso e postato in diretta sui social. Immagini che lasciano senza fiato. Immagini cruente che ritraggono due ragazzi armati di tutto punto. Immagini che ritraggono tutto, dalla A alla Z. Un portavoce di Facebook ha confermato che il video è stato nel frattempo rimosso così come gli account Facebook e Instagram dell’attentatore. A non poter essere cancellate sono però le conseguenze di questo gesto folle e sconsiderato.

Una coreografia curata fin nei minimi dettagli. Un’azione portata a compimento in maniera cinica e delirante utilizzando armi da guerra ricoperte da scritte bianche inneggianti non solo a Breivik e all’odio raziale, ma anche a personaggi come Luca Traini che, lo scorso anno, tentò di compiere una strage di migranti a Macerata ferendo sei persone. A riprova di come il nostro sia ormai un mondo globalizzato anche nell’odio e nel razzismo.

Poco prima della strage, sui social, il leader del commando aveva postato un documento anti-immigrati e anti-musulmani di un’ottantina di pagine che è stato poi, anche quello, cancellato. A fare da colonna sonora all’allontanamento in auto dei quattro assassini “Fire”, una canzone della band inglese “The Crazy World of Arthur Brown”, il cui testo sembra il macabro manifesto programmatico di quanto accaduto a Christchurch.

Sono il dio del fuoco dell’inferno e ti porto!

Fuoco, ti porterò a bruciare.

Fuoco, ti porto per imparare.

Ti vedrò bruciare!

Hai combattuto duramente e hai salvato e guadagnato,

ma tutto ciò brucerà.

E la tua mente, la tua piccola mente,

sai che sei stato davvero così cieco.

Adesso è il tuo momento, brucia la tua mente,

Stai cadendo troppo indietro.

Oh no, oh no, oh no, brucerai!

Fuoco, per distruggere tutto ciò che hai fatto.

Fuoco, per finire tutto ciò che sei diventato.

Ti sentirò bruciare!

Hai vissuto come una bambina,

nel mezzo del tuo piccolo mondo.

E la tua mente, la tua piccola mente,

sai che sei stato davvero così cieco.

Adesso è il tuo momento, brucia la tua mente,

stai cadendo troppo indietro.

Oooooooooooooo.

Fuoco, ti porterò a bruciare.

Fuoco, ti porto per imparare.

Brucerai!

Brucerai!

Brucerai!

Brucia, brucia, brucia, brucia, brucia,

brucia, brucia, brucia, brucia, brucia, ahhhhhhhhhh

Ti potrebbero interessare:

GAS è gratuito, perchè riteniamo fondamentale che il maggior numero di lettori possibile possa avere un’informazione alternativa rispetto alla stampa ufficiale.

Il nostro lavoro, tuttavia, comporta degli investimenti. Abbiamo scelto di non ricorrere alla pubblicità per non “sporcare” il sito con annunci pubblicitari, e mantenere la nostra indipendenza rispetto al mondo imprenditoriale ed economico. Ci sosteniamo solo tramite le adesioni dei nostri soci e le donazioni dei nostri lettori.

Se anche tu vuoi aiutarci ad andare avanti nel nostro lavoro di informazione indipendente e alternativa, puoi contribuire diventando socio di GAS oppure con una donazione libera. Grazie per il tuo supporto.

SOSTIENI GAS NO,GRAZIE!